2 titoli ecosostenibili interessanti

Nella diretta di ieri su Facebook ho parlato dei titoli ESG.

Se non sei iscritto alla mia pagina Facebook fallo subito cliccando qui, molto spesso pubblico delle analisi in esclusiva e una volta alla settimana faccio una diretta che si chiude sempre con un’ampia sessione di domande e risposte nella quale parliamo di tutto quello che riguarda il mondo dei mercati finanziari.

Ma torniamo ai nostri titoli ESG, che sono appunto criteri che tengono conto di fattori ambientali (Environmental) sociali (Social) e di Governance, ovvero di gestione, in modo che le aziende siano sostenibili sia nel sociale che nell’ambiente.

Non mi dilungo oltre, ne ho parlato ieri ed ho comunque intenzione di fare un PascaDaily solo dedicato a questo, quello su cui mi voglio invece concentrare oggi è l’analisi di due titoli, che rispettano appunto i criteri ESG e che possono essere interessanti per il futuro.

Prima però permettimi di ricordarti che sta scadendo la promozione sul mio nuovo libro riservata a tutti i lettori del PascaDaily. Per non perderla clicca qui.

Bene, come detto, adesso andiamo a vedere questi due interessanti titoli.

NextEra Energy (NEE)

NextEra Energy è una utility americana (a mio modo di vedere una delle migliori) che ha acquisito una certa popolarità nell’ambiente ESG nell’ultimo anno. 

Questo perché la società è anche il più grande sviluppatore di impianti di generazione eolica e solare al mondo e le energie rinnovabili sono state un tema molto popolare nel mercato durante il 2020.

NextEra Energy è la terza più grande utility negli Stati Uniti con circa dieci milioni di clienti e serve clienti in diversi stati, ma la sua più grande unità aziendale opera di gran lunga in Florida. 

Una delle cose più interessanti delle utility è che sono entità molto resistenti alle recessioni dato che godono di flussi di cassa stabili. 

Non è difficile immaginare il perchè di questa stabilità: essendo un bene giudicato essenziale le persone tendono a dare priorità al pagamento delle bollette rispetto alle spese più discrezionali durante i periodi in cui il denaro è limitato. 

Questa stabilità le rende particolarmente apprezzate da quegli investitori che cercano una fonte di reddito affidabile e con dividenti storicamente elevati.

La fonte di energia rinnovabile che ci sembra di sentire di più nei media finanziari è l’energia solare. Tuttavia, Energy Resources si concentra principalmente sull’energia eolica, con l’eolico che rappresenta il 67% della capacità di generazione dell’unità.

Fin qui le cose positive, tuttavia prima di inserirla in portafoglio è bene vedere anche il risvolto della medaglia.

Il settore dei servizi pubblici è molto ad alta intensità di capitale. Dopo tutto, non è esattamente economico costruire e mantenere impianti di generazione elettrica, per non parlare delle infrastrutture di distribuzione e trasmissione che coprono un’ampia area geografica. 

NextEra Energy non fa eccezione in quanto trasporta una notevole quantità di debito, sebbene non sia così grave come quello che possiedono altre utilities.

Possiamo vederlo osservando il modo in cui l’azienda si finanzia, che si ottiene osservando il rapporto debito netto/capitale proprio. Questo può dirci se la società è eccessivamente dipendente dal debito per finanziare le sue operazioni anziché utilizzare fondi interamente di proprietà.

Al 30 settembre 2020 (la data più recente per la quale i dati erano disponibili al momento in cui scriviamo), NextEra Energy aveva un debito netto di $ 46,335 miliardi rispetto ai $ 42,227 miliardi di patrimonio netto, il che conferisce alla società un debt/equity ratio di 1,15.

Dato che il rapporto debito / capitale proprio misura il debito di una società rispetto al valore del suo patrimonio netto, è più spesso utilizzato per valutare la misura in cui una società sta assumendo debiti come mezzo per sfruttare le sue attività. Un rapporto debito / capitale proprio elevato è spesso associato a un rischio elevato; significa che un’azienda è stata aggressiva nel finanziare la sua crescita con il debito.

I livelli di indebitamento certamente non bassi, però, sono calcolati sui valori contabili. Un altro approccio è quello di calcolare quegli indicatori con valori di mercato poichè più vicini alla realtà in termini di valutazioni (ricordiamoci che le voci a bilancio non sempre indicano il vero valore di mercato). Beh, guardando i valori di mercato, possiamo calcolare un rapporto debt financing ratio pari al 22%, sensibilmente inferiore rispetto ai risultati contabili. 

Inoltre, è sempre bene ricordare che i livelli di indebitamento non sono mai troppo elevati di per sè, ma è necessario compararli con la prevedibilità aziendale. E Nextera, per l’appunto, rappresenta un business relativamente molto prevedibile.

Sui ricavi invece non ci sono grosse preoccupazioni, infatti sono abbastanza prevedibili.

In conclusione, NextEra Energy è il più grande sviluppatore di energia eolica e solare negli Stati Uniti e questo lo ha reso molto popolare nel mercato finora quest’anno. Sfortunatamente, però, quella popolarità sembra aver costretto il titolo ad andare così avanti a se stesso che ora sembra troppo caro rispetto ai suoi pari.

Questo è vero anche se prendiamo in considerazione il forte potenziale di crescita di NextEra Energy. Pertanto, gli investitori potrebbero stare meglio con uno dei suoi pari che ha una valutazione più ragionevole.

Quindi il mio consiglio è di tenere sotto stretta attenzione questo titolo ma di aspettare prima di inserirlo in portafoglio.

iRobot (IRBT)

iRobot Corporation (IRBT) ha avuto un esplosione nell’ultima trimestrali riportando una crescita dei ricavi migliore del previsto del 43% nonostante il Prime Day si sia spostato da luglio a ottobre di quest’anno. 

Sebbene le aspettative per il quarto trimestre del 2020 siano piene di cauto ottimismo, come nel caso di molte società di vendita al dettaglio, i dati indicano che la società ha riportato una crescita sostenuta nel quarto trimestre del 2020 e una conclusione positiva per l’anno fiscale 20 in generale.

I ricavi sono cresciuti a due cifre con il mercato statunitense che ha registrato una crescita dei ricavi del 75%, seguito dall’EMEA al 22% e dal Giappone al 12%, in tutto il periodo precedente. 

È significativo il fatto che le vendite online ora rappresentano il 60% dei ricavi complessivi, essendo cresciute del 70% tra Q3-19 e Q3-20.

Le vendite di Roomba hanno rappresentato quasi il 90% del mix, mentre la linea Braava è stata trainata dalle vendite M6 ed è cresciuta complessivamente del 38%.

La notizia del vaccino non ha fatto bene all’azienda.

Mentre il mercato si è ripreso grazie alle notizie positive del 9 novembre, il titolo iRobot è sceso ancora una volta, partendo dal presupposto che il mercato vede un trend di “ritorno al lavoro” come indicatore negativo per i prodotti iRobot.

Proviamo ora a dare un’occhiata alle previsioni per il quarto trimestre del 2020.

I ricavi previsti si aggirano tra $ 480 e $ 490 milioni per un tasso di crescita compreso tra il 12% e il 15% rispetto al periodo precedente. Ciò pone la previsione dei ricavi FY-20 a $ 1,365 miliardi a $ 1,375 miliardi, rappresentando una crescita dal 12% al 13%. 

Sebbene questo sia meglio di quanto l’azienda sperava di ottenere all’inizio dell’anno, il mercato solo recentemente sembra essersene accorto.

Un altro motore di crescita è il direct to consumer, le cui vendite sono aumentate del 155% nel terzo trimestre rispetto al periodo precedente e hanno raggiunto i 35 milioni di dollari. È certamente ancora una piccola porzione rispetto ai ricavi complessivi, ma il tasso di crescita è sicuramente qualcosa da tenere d’occhio in futuro.

Andando avanti, l’azienda sta tenendo a bada i piani di go-to-market per Terra, il rasaerba robotizzato. Parte del ragionamento strategico alla base di tale decisione sembra essere la maggiore attenzione della società al coinvolgimento diretto con i clienti.

A lungo termine, ciò creerà un forte canale di consegna per i prodotti futuri, ma significa anche investire ora in capacità di marketing e supply chain per ampliare e approfondire la sua portata all’interno dei segmenti target.

Sono dell’opinione che questa sia una mossa particolarmente astuta da parte dell’azienda. Piuttosto che crescere pesantemente sul lato del prodotto e continuare a fare affidamento su canali di distribuzione di terze parti, sta costruendo l’ecosistema di cui avrà bisogno per soddisfare le esigenze di una base di utenti più ampia a cui può raggiungere, interagire e vendere direttamente.

iRobot ha dimostrato di poter continuare a far crescere i suoi ricavi nonostante le recessioni economiche, e non penso che questa tendenza possa essere interrotta nel prossimo futuro. 

Sebbene l’interesse a breve sia sicuramente qualcosa di cui preoccuparsi, gli investitori a lungo termine possono essere certi che i solidi fondamentali alla fine supereranno qualsiasi preoccupazione per il titolo che rimane a livelli depressi. 

In conclusione, pur ricordando che queste analisi non vogliono in nessun modo essere viste come una sollecitazione all’acquisto, mi sento di poter dire che se uno acquistasse IRobot, se ne dimenticasse, ed andasse a controllare il titolo tra 20 anni, troverebbe delle bellissime sorprese, infatti l’azienda è perfettamente inserita in uno dei megatrend del futuro.

Poi, come dico sempre, prima di inserire un titolo in portafoglio è bene fare valutazioni accurate e chiedersi se l’ingresso a senso o meno rispetto agli altri titoli già presenti.

La cosa che io consiglio ad ogni occasione possibile è di farsi affiancare da un esperto, ma questo non deve però essere vissuto come uno scarico di responsabilità.

Io voglio che tutte le persone che mi seguano sappiano sempre il perché di ogni scelta, infatti solo un investimento consapevole si può tradurre in un investimento vincente.

Nel mio nuovo libro “ Dove metto i miei soldi” mi sono veramente impegnato al massimo per fornire, attraverso 7 semplici passi, un percorso concreto e lineare che partendo dalle basi possa dare a chiunque la giusta attitudine per far rendere al meglio il proprio capitale.

Far soldi con i soldi non è impossibile, se sai come fare.

Fino a domenica, per tutti i lettori del PascaDaily il libro è in offerta.

Clicca qui per portarti a casa una copia a solo 17 euro anzichè 27.

Al tuo successo.

Giuseppe Pascarella

Firma

 


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

BABA, opportunità o tragico errore?

Alibaba è uno dei titoli tecnologici mega-cap più economici al mondo (per rapporto prezzo-Flusso di cassa) dopo che i timori normativi in ​​Cina hanno colpito duramente l’azienda. Oggi, molti titoli tecnologici cinesi a grande capitalizzazione

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit