Apple vola dopo le trimestrali, è il momento di acquistarla?

Ieri, il mercato ci ha fatto sapere in modo chiaro che le trimestrali di Apple sono state di suo gradimento.

Il titolo ha chiuso a 137,62 dollari in rialzo di circa il 3%.

Bè, non poteva essere altrimenti visto i numeri presentati dalla casa di Cupertino.

Il fatturato è stato di 89,6 miliardi di dollari, in crescita di ben il 54% rispetto a un anno fa, ma soprattutto di ben 12 miliardi di dollari superiore alle previsioni degli analisti che si aspettavano che l’azienda si fermasse – si fa per dire – a 77 miliardi di dollari.

Anche per quando riguarda i profitti Apple ha polverizzato le attese, con 1,4 dollari per azione contro il consensus di Wall Street che prevedeva un profitto di 98 centesimi per azione.

Non solo, l’azienda ha anche annunciato un’espansione di 90 miliardi di dollari del suo programma di riacquisto di azioni e ha aumentato il suo dividendo trimestrale del 7% a 22 centesimi per azione.

I risultati di questo trimestre riflettono sia i modi duraturi in cui i nostri prodotti hanno aiutato i nostri utenti ad affrontare questo momento della loro vita, sia l’ottimismo che i consumatori sembrano provare riguardo a giorni migliori davanti a noi tutti“, ha detto il CEO di Apple Tim Cook in una dichiarazione. “Apple è in un periodo di innovazione travolgente in tutta la nostra linea di prodotti, e stiamo mantenendo l’attenzione su come possiamo aiutare i nostri team e le comunità in cui lavoriamo ad emergere da questa pandemia in un mondo migliore“.

Insomma i risultati sono stati veramente incoraggianti, ancor più considerando il fatto che Apple ha avuto entrate record in ogni segmento geografico e una crescita a due cifre in ogni categoria di prodotto. 

Come ha fatto notare il CFO Luca Maestri in una  nota l’azienda ha avuto 24 miliardi di dollari di flusso di cassa operativo nel trimestre, e ha restituito quasi 23 miliardi di dollari ai titolari in dividendi e riacquisti di azioni.

Ma entriamo un attimo nel vivo e cerchiamo di capire come si sono distribuite le entrate del gigante tecnologico per eccellenza.

IPhone ha registrato vendite per 47,9 miliardi di dollari, in crescita del 65,5%, e ben oltre le stime degli analisti di circa 41,4 miliardi di dollari. 

Le entrate dei servizi sono state di 16,9 miliardi di dollari, in aumento del 26,6%, più di 1 miliardo di dollari in anticipo sulle aspettative di Wall Street. 

Le vendite di Mac sono state di 9,1 miliardi di dollari, in crescita del 70,1%.

Le vendite di iPad sono state di 7,8 miliardi di dollari, in crescita del 79,4%, sia queste che le vendite di Mac, neanche a dirlo, hanno superato le aspettative.

Le vendite degli indossabili sono state di 7,8 miliardi di dollari, in crescita del 24,7%, anche queste meglio delle previsioni.

L’azienda ha visto una forte crescita in tutte le aree geografiche, con la Cina in crescita dell’88%. Le vendite sono aumentate del 35% nelle Americhe, del 56% in Europa, del 49% in Giappone e del 94% nel resto dell’Asia.

Tornando al CFO Luca Maestri ecco cas ha dichiarato ad una conferenza telefonica con gli analisti: ”Apple non sta fornendo una guida specifica sulle entrate a causa delle incertezze in corso relative a Covid. L’azienda si aspetta una crescita del fatturato “forte a due cifre” nel trimestre di giugno, tuttavia ci aspettiamo che il calo sequenziale dal trimestre di marzo sarà maggiore rispetto agli anni precedenti, a causa del lancio più tardivo dell’anno scorso dell’iPhone 12 e un certo impatto dalla carenza di componenti.

L’azienda si aspetta una riduzione delle entrate da 3 a 4 miliardi di dollari nel trimestre di giugno a causa dei vincoli di fornitura. Il margine lordo dovrebbe essere dal 41,5% al 42,5% nel trimestre di giugno, in calo rispetto al 42,5% del trimestre di marzo.”

Ma quindi alla luce di tutto questo Apple è da comprare?

Come sempre è bene chiarirsi sull’orizzonte temporale. Se vuoi un titolo da acquistare e tenere per 30 anni allora Apple è sempre da acquistare, perché come sai bene, io la considero una azienda fantastica.

Tuttavia se il tuo orizzonte è più di medio periodo, diciamo tra i 3 e i 5 anni allora è bene pensarci meglio.

Chi segue il mio portafoglio Pascarella ha messo in pancia Apple parecchi mesi fa, in tempi non sospetti, ed ora si gode un bel rialzo di quasi il 20%, ma attualmente il titolo è in Hold.

Ovvero il nostro consiglio è certamente di tenerlo, per chi lo possiede già, ma se sei fuori e il tuo orizzonte è di medio periodo forse è meglio aspettare ad entrare.

Detto questo, come ho sottolineato più volte, le trimestrali vanno analizzate con grande attenzione e questo è ciò che io ed il mio team facciamo tutto il giorno, tutti i giorni. Non è il caso di prendere decisioni affrettate. Come sempre ogni lunedì ci riuniremo e decideremo se è il caso di passare il titolo in buy, anche se in tutta onestà credo che al momento le occasioni di acquisto siano altre.

Abbiamo messo nel mirino alcuni titoli veramente interessanti…

Se vuoi sapere quali sono e soprattutto se vuoi iniziare ad investire in modo consapevole, avendo nella tua squadra un team di analisti esperti come quello di PascaProfit, bè allora manda un whatsapp al numero 392 51 86 777 ed un mio collega ti richiamerà e senza impegno ti spiegherà come anche tu puoi iniziare a guadagnare investendo, in tutta semplicità, nel mercato più grande e profittevole al mondo, ovvero Wall Street.

Al tuo successo.

Giuseppe Pascarella

Firma

 


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit