Come se la cavano i titoli del settore industriale se aumenta l’inflazione?

In questo periodo stiamo vivendo sui mercati un momento di grande volatilità, gli investitori stanno anticipando un ipotetico aumento dell’inflazione che spingerebbe la Fed a rivedere i tassi di interesse, a nulla sono valse le interviste di Powell che continua a sottolineare che il mondo è in recessione e quindi ci vorranno anni prima di vedere una inflazione alta o tassi di interesse bassi.

I mercati però continuano ad anticipare un periodo di inflazione alta, e quando l’inflazione è in aumento, i titoli industriali sono quelli che ne traggono vantaggio. All’interno del settore ci sono svariate società abbastanza promettenti, sempre che l’inflazione aumenti tanto quanto i mercati stanno segnalando ultimamente.

Le aspettative di inflazione sono arrivate alla fine di settembre, il che ha segnato un rinnovato spostamento dei capitali verso attività economicamente sensibili e fuori da quelle più sicure. Le aspettative di inflazione basate sul mercato per il prossimo decennio, secondo i dati della Riserva Federale di St. Louis, sono salite a quasi il 2,2%, da circa l’1,6% alla fine di settembre.

Naturalmente va sottolineato che i rendimenti più elevati rendono le azioni meno attraenti rispetto alle obbligazioni, viste come un bene di rifugio, da qui il selloff sui mercati in questi giorni. Ma i titoli industriali, tuttavia, sembrano riuscire a resistere bene al periodo di vendite, soprattutto perché dovrebbero vedere un aumento delle vendite e degli utili a breve termine con un’economia in rafforzamento.

L’Industrial Select Sector SPDR Fund (XLI) è aumentato di quasi il 23% dalla fine di settembre, superano anche l’S&P500 fermo al +19%.

Ora è il momento di spostarsi verso asset ciclici, che tendono ad essere più rischiosi. Uno dei modi per misurare il livello di rischio di un titolo è guardare alla sua volatilità e per coloro che possono sopportare il rischio in cambio di rendimenti elevati, potrebbe essere il caso di dare un occhio al settore industriale.

Recentemente ho notato che il settore industriale è il terzo più sensibile alle variazioni dei tassi di interesse, tra gli undici settori dell’indice S&P500.

Alcuni titoli industriali sono più sensibili alle variazioni dei tassi di interesse e, a loro volta, dovrebbero beneficiare di un’economia in ripresa.

Per esempio il gigante aerospaziale Boeing (BA), con una correlazione del 72% con il rendimento del Tesoro a 10 anni, il titolo è aumentato del 45% dal 23 settembre. È stato più del doppio volatile rispetto all’S&P500, in parte perché rifornisce l’industria aerea, che è stata decimata dalla pandemia.

Oppure il gigante industriale diversificato Emerson Electric (EMR) ha una correlazione del 58% con il rendimento a 10 anni ed è stato solo leggermente più volatile del mercato. Emerson vende prodotti in dozzine di mercati finali ciclici martellati dal Covid-19. L’aumento dei prezzi dell’energia è ottimo per i clienti produttori di petrolio. Più attività di costruzione significa più strumenti venduti e le fabbriche si trasformano in vendite per i suoi sistemi di automazione e controllo.

Infine segnalo Textron (TXT), è correlato al 57% con il Tesoro a 10 anni, è aumentato del 50% nello stesso arco di tempo ed è il 65% più volatile del mercato. L’azienda produce componenti per aeromobili ed elicotteri. Una società con una crescita media dell’8% anno con aumento delle stime per il 2021.

Ci vuole sempre cautela quando si parla di industriali, un settore difficile da comprendere e da seguire, ma di certo uno dei migliori quando si parla di timore sull’aumento dell’inflazione.

 

Al tuo successo.

Giuseppe Pascarella

Firma

 


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

BABA, opportunità o tragico errore?

Alibaba è uno dei titoli tecnologici mega-cap più economici al mondo (per rapporto prezzo-Flusso di cassa) dopo che i timori normativi in ​​Cina hanno colpito duramente l’azienda. Oggi, molti titoli tecnologici cinesi a grande capitalizzazione

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit