Cosa c’è di nuovo a Wall Street?

Siamo in un periodo talmente straordinario che ormai non ci fa quasi più effetto sentir parlare di record…

tuttavia a gennaio Wall Street ha messo a segno un altro record interessante: è stato il gennaio con più IPO degli ultimi 25 anni.

Solitamente gennaio è un mese piuttosto fiacco per le IPO, con i banchieri che tornano con calma dalle vacanze ed il mercato che cerca di capire che piega prenderà il nuovo anno.

Non è stato così nel 2021.

Prima di entrare nel vivo dell’argomento, lasciami ricordare brevemente cosa sia un IPO.

È un acronimo che sta per Initial Public Offering,  da qui IPO, che in italiano potremmo tradurre con offerta pubblica iniziale. Detto in parole semplici quando una azienda fa un IPO vuol dire che si sta quotando in borsa per la prima volta.

Più IPO ci sono e più sono i nuovi titoli interessanti su cui possiamo investire, ecco perchè è importante tenere sempre d’occhio i nuovi ingressi.

La più grande IPO dell’anno finora è stata Playtika (ticker: PLTK), una società israeliana di giochi mobili che ha raccolto circa 2,2 miliardi di dollari. 

Al secondo posto abbiamo Shoals Technologies (SHLS), un produttore di attrezzature per l’energia solare che ha raccolto un’offerta di 1,92 miliardi di dollari. 

Qualtrics International (XM), un’unità della società di software tedesca SAP, ha raccolto 1,5 miliardi di dollari e si è piazzata terza. 

Attento però, questo non vuol dire che sia subito il caso di fiondarsi ad acquistare queste nuove aziende solo perchè, in apparenza, hanno business interessanti.

Come ho spiegato in modo esaustivo nel mio nuovo libro “Dove metto i miei soldi” – clicca qui per vedere tutti i contenuti – l’investimento è un processo razionale non una scelta emotiva.

Acquistare un titolo che non ha ancora presentato nessuna trimestrale ufficiale e non ha quindi lo storico necessario per essere analizzato, comporta molti rischi.

Rischi che, a mio avviso, troppo alti anche se paragonati ai potenziali guadagni che, questo va detto, in alcuni casi possono essere molto alti.

Lo so che il piacere di scoprire prima degli altri il titolo che poi arriva sulla bocca di tutti, tipo Tesla (IPO 2010) o Zoom (IPO 2019) è molto alto. 

Però quello, voglio che ti sia molto chiaro, non è investire. Quello è scommettere, ti può andare bene una volta, puoi anche in alcuni casi fare molti soldi – ad esempio Tesla dall’IPO è cresciuta del 23.900%, anche se a dire il vero non conosco nessuno a parte Elon che l’abbia comprata in IPO e si sia sempre tenuto il titolo senza venderlo. Rimane comunque il fatto che sono soldi molto pericolosi.

Può sembrare un controsenso, ma alle volte guadagnare in borsa fa più male che bene.

Senza tornare al 2010, anche solo chi è entrato su Tesla nel 2020  magari si è fatto una cavalcata del 700%, il problema è che ora si sente il Dio dei mercati e questo è molto pericoloso.

In pochi guardano questo aspetto, ecco perchè ho deciso di parlartene oggi. 

Magari se mi conosci poco potresti pensare che io sia mosso dall’invidia o dalla rabbia di non aver ottenuto quei risultati, ma ti posso assicurare che non è così.

Io sono solo felice quando qualche piccolo investitore come me estrae denaro dal mercato e poi, con tutto il rispetto, io sono già felice dei risultati che ottengo. Negli ultimi 11 anni il mio portafoglio ha guadagnato più dell’800% tenendo però sotto controllo il rischio.

Considerato che ho la responsabilità anche di non far perdere soldi a tutti quelli che mi seguono, cercare di ottenere di più sarebbe veramente troppo rischioso.

In ogni caso se uno riesce fare il 700% in un anno io gli faccio i complimenti ma non posso fare a meno di dirgli di stare molto attento perchè ora gestire l’emotività sarà molto difficile.

Sò cosa stai pensando, fammi fare il 700% e poi non ti preoccupare che io la testa non la perdo.

Non è così, non ti parlo per sentito dire, parlo perchè sono da 25 anni sul mercato e di queste cose ne ho viste a centinaia.

Non pensare di essere diverso dagli altri e di poter governare certe emozioni, credimi non ce la fa nessuno, ne ho visti troppi.

Certi guadagni ti fanno inevitabilmente perdere il contatto con la realtà, è per questo che bisogna stare molto attenti.

Il vero problema è che quando hai fatto un colpaccio del genere quello diventa il tuo termine di paragone e anche un guadagno di tutto rispetto come il 20% all’anno ti sembrerà poco.

Ti sentirai frustrato perchè ormai nella tua testa è scatto il clic del: divento ricco in pochi anni.

Quella è l’inizio della fine. Perchè cercherai a tutti i costi di forzare la mano per ottenere di nuovo quei rendimenti, ma certi colpacci sono una rarissima eccezione, farli diventare la regola è il modo più sicuro per dividersi, con dolore, dai propri sudati risparmi.

Non cadere in questa trappola altrimenti rischi di farti molto male.

I mercati finanziari, specie quelli a stelle e strisce, sono un posto meraviglioso, dove veramente puoi far fruttare i tuoi soldi in modo importante.

Far soldi con i soldi non è un’utopia riservata solo ai ricconi di Wall Street ma una possibilità alla portata di tutti, a patto però che si usino certi criteri.

Prudenza, controllo del rischio, gestione delle emozioni e lungo periodo sono ingredienti che non possono mancare nell’arsenale di un buon investitore.

Per fare i soldi con la borsa ci vuole prima di tutto pazienza e poi servono due componenti fondamentali:

La prima è la conoscenza di base, senza quella manca tutto. Se non conosci le regole del gioco sarai sempre alla mercè di chi cerca di fare i suoi interessi fingendo di fare i tuoi.

Il secondo è un consulente, INDIPENDENTE, che faccia solo e sempre i tuoi interessi a differenza di chi è pagato da altri e non da te.

Come sai, io vendo servizi finanziari permettendo alle persone di replicare i miei portafogli e ottenere i miei stessi risultati. Io e i miei clienti siamo sulla stessa barca.

Ma non voglio dirti che per forza il consulente debbo essere io, quello che è importante è che sia una persona che veramente lavora con te e per te.

Però credimi, anche il miglior consulente del mondo non potrà farti guadagnare se ti manca il primo tassello, ovvero la conoscenza di base.

Senza conoscenza non sarai in grado di capire cosa è veramente meglio per te e quale strada è giusto percorre per far fruttare al meglio i tuoi risparmi.

È per questo che mi permetto di invitarti a leggere il mio ultimo libro “Dove metto i miei soldi”.

Lì ho condensato veramente 25 anni di esperienza sui mercati e ho trattato uno ad uno tutti gli aspetti fondamentali che riguardano il denaro e le leggi che lo muovono.

Leggendolo capirai in modo definitivo qual è il modo giusto di gestire i tuoi soldi

Clicca sul link https://bit.ly/3tdbdA9 e guarda gli argomenti nel dettaglio.

Al tuo successo.

Giuseppe Pascarella

Firma

 


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

Attenzione all’India…

“L’India potrebbe superare il Regno Unito come quinto mercato azionario più grande del mondo entro il 2024”.  Sono queste le parole che arrivano direttamente da Goldman Sachs. L’India è da sempre uno tra i primi

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit