Dove sta andando il BitCoin?

Ieri, dopo la pausa agostana, ho ripreso le mia consueta diretta del giovedì. Siete stati veramente in tanti e per questo voglio ringraziare di cuore chi, insieme a me, ha ripreso questa nostra consuetudine di trovarci al giovedì per parlare di mercati.

Se per caso ti sei perso la mia diretta puoi rivederla cliccando qui.

Tra le varie cose ieri ho parlato di BitCoin, un argomento veramente caldo che da qualche tempo è sulla bocca di addetti ai lavori o no.

Ho cercato di fare un po’ di chiarezza e vorrei riportare qui nel PascaDaily alcune considerazioni che penso possano essere molto interessanti.

Non ti svelo certo un segreto dicendo che una delle caratteristiche della regina delle Cryptovalute sia la volatilità.

Sembra molto tempo fa ormai, ma all’inizio del 2021 il bitcoin era a $ 29.000, per poi accelerare fino ad aprile quando ha toccato il suo massimo ad oltre 64.000 dollari.

Da lì si è innsescato un violento sell off che ha portato lo strumento a ritracciare di oltre il 50% toccando un minimo a luglio poco sopra i 29.000 dollari.

Da allora la Crypto è costantemente salita fino a recuperare i 50.000 $.

Insomma, non si può certo dire che il BitCoin sia pigro e non ami muoversi. Tieni conto che il movimento che l’oro fa in un decennio il BitCoin lo fa in un paio di mesi. Però anni fa l’oro era considerato anch’esso molto volatile poi si è stabilizzato. Il paragone è un po’ tirato però ci può stare, anche se ovviamente in confronto ai repentini movimenti della Crypto valuta il metallo giallo assomiglia molto più a un pachiderma che ad una gazzella.

In ogni caso, quello che ovviamente si chiedono tutti è se questo BitCoin è qui per rimanere e quindi ha ancora spazio di crescita o se oppure verrà presto archiviato con uno scherzo del mercato. E se così fosse sarebbe certamente uno scherzo di cattivo gusto visto che molte persone perderebbero un sacco di soldi.

Per rispondere a questa domanda iniziamo col dire che guardando i mivimenti del BitCoin sta diventando chiaro uno schema generale per i suoi cicli.

L’asset digitale sembra ripetere sempre questa quattro fasi cicliche.

  1. Si insinua silenziosamente. Pochi al di fuori della bolla degli ardenti bitcoiner se ne accorgono. La chiameremo la fase di accumulazione silenziosa.
  2. Quei passi silenziosi diventano rumorosi quando il prezzo inizia a salire rapidamente. C’è fretta di comprare. I media sono dappertutto. C’è un’enorme discussione sul fatto che il bitcoin sia in una bolla o meno. Bitcoin ha uno dei suoi top di esplosione. 
  3. Otteniamo una correzione mostruosa e bitcoin perde oltre il 50% del suo valore. Tutti i nocoiner vanno in televisione e dichiarano di avere ragione, ignorando il fatto che il prezzo a cui il bitcoin si è corretto è di diverse centinaia per cento al di sopra di quello in cui è iniziata la fase di accumulo silenzioso. All’inizio dell’evoluzione di bitcoin queste correzioni potevano arrivare ad essere del 90% o più. Ora sono “ridimensionati” a più del 60%.
  4. Bitcoin entra in un periodo di range trading, consolidando i guadagni del precedente mercato rialzista. Questo è un periodo di relativa tranquillità, almeno per gli standard bitcoin. Ci sono piccoli rally che entusiasmano molti, ma si rivelano falsi segnali. 

Gli investitori sono frustrati dal fatto di non riuscire a fare soldi facilmente. I media perdono interesse. Molti se ne dimenticano, e così gradualmente entriamo in un’altra tranquilla fase di accumulazione e torniamo al punto 1 –

Diamo a queste fasi alcuni titoli: Il quieto accumulo; Lo scoppio della bolla; La correzione; Il Frustrante Consolidamento.

Ora consideriamo l’azione dei prezzi di bitcoin negli ultimi anni nel contesto di questo ciclo. 

A che punto siamo ora nel ciclo dei bitcoin? 

Inizieremo con la bolla scoppiata a fine 2017. 

Lo scoppio della bolla -ovvero la fase 3 del nostro ciclo- ha portato ad una correzione dell’85% che ci ha portato dritti alla fase quattro, ovvero al frustrante consolidamento.
Fase che è durata circa 3 anni, infatti verso la fine del 2020 è riniziata la fase 1 e nel 2021 si è partiti a razzo nella fase 2 che è arrivata a 64.000 dollari.

La cosa fondamentale da notare sui consolidamenti frustranti è che sono frustranti. Ed è probabile che un consolidamento frustrante duri molto più a lungo di quanto chiunque voglia veramente, specialmente coloro che sperano in guadagni rapidi.

E indovina dove siamo adesso?

Proprio così, nel Consolidamento frustrante.

Infatti dopo lo scoppio della bolla ad aprile abbiamo avuto un ritracciamento del 50% ma ora questo ritracciamento sembra essersi fermato.

Abbiamo visto bitcoin ritestare più volte l’area $ 29-30.000. Sembrerebbe che ci sia supporto lì. Quei nocoiners che l’hanno dichiarata una bolla dicendosi certi che questa Crypto non andrà da nessuna parte, si stanno tutti congratulandosi con se stessi. “Guarda, bitcoin ha avuto una correzione del 55%”, stanno dicendo compiaciuti. 

Però a me sembra che i nocoiners stiano ignorando il fatto che il bitcoin abbia toccato il fondo a $ 30.000, che è dieci volte superiore al livello in cui ha toccato il fondo nel ciclo precedente.

E questa è un’altra caratteristica evidente, ogni ciclo del BitCoin si chiude molto più in alto di dove era partito.

Ora il bitcoin ha avuto un piccolo aumento fino a $ 50.000. Sembra buono. 

Gli orsi sono diventati silenziosi. I rialzisti dicono tutti che arriveremo a $ 100.000. 

Sarà vero? Teoricamente può arrivare anche a 1.000.000…

Tuttavia sospetto che quello che abbiamo di fronte non sia un nuovo rally,ma piuttosto un prolungamento della fase di consolidamento.

Ricorda la regola d’oro dei consolidamenti frustranti. Se può frustrare, sarà frustrante.

Questa è la natura dei consolidamenti. Non credo che il prezzo partirà per la Luna.

Secondo me avremo davanti ancora svariati mesi di accumulo però penso anche che i movimenti del BitCoin non sono così diversi dai movimenti del ciclo economico quindi non credo sia così da disprezzare come strumento.

Forse bisognerebbe smettere di considerarlo uno strumento di speculazione e trattarlo invece come un strumento di investimento.

Ovviamente non ti sto consigliano di comprare BitCoin ma non penso sia giusto nemmeno demonizzarlo.

In ogni caso se vuoi approfondire ti invito nuovamente a vedere la diretta di ieri, dove naturalmente ho approfondito maggiormente l’argomento.

Per questa settimana è tutto, Il PascaDaily ritorna lunedì, come sempre.

 

Al tuo successo

Giuseppe

 

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

BABA, opportunità o tragico errore?

Alibaba è uno dei titoli tecnologici mega-cap più economici al mondo (per rapporto prezzo-Flusso di cassa) dopo che i timori normativi in ​​Cina hanno colpito duramente l’azienda. Oggi, molti titoli tecnologici cinesi a grande capitalizzazione

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit