Editoriale Pascarella: La BCE verso uno stimolo più morbido

Domani a Francoforte la BCE proverà a spingere per un primo taglio di stimolo fiscale. La Banca centrale europea si riunirà per adeguare il suo programma di acquisto di attività alle mutevoli realtà economiche. La maggior parte degli analisti si aspetta che la banca centrale riduca il ritmo dei suoi acquisti di asset, nell’ambito del programma lanciato lo scorso anno per aiutare le economie europee ad affrontare la pandemia di coronavirus.

Ma quello che sembrerà un “tapering” in realtà difficilmente lo sarà. Mi aspetto che il presidente della BCE, Christine Lagarde, faccia tutti i passi giusti per convincere i mercati che la politica della BCE rimarrà fermamente dalla parte accomodante per almeno un altro paio di anni. So che l’idea di un’economia drogata non piace a nessuno, ma ormai siamo in una situazione di equilibrio che ha necessità del suo tempo per tornare ad una “vecchia normalità”, passando ovviamente per una correzione.

Il cambiamento del clima economico giustificherebbe un aggiustamento del programma di acquisto di obbligazioni che è in corso a circa 80 miliardi di euro al mese da quando la BCE ha optato a marzo per un ritmo di acquisti “significa…


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

BABA, opportunità o tragico errore?

Alibaba è uno dei titoli tecnologici mega-cap più economici al mondo (per rapporto prezzo-Flusso di cassa) dopo che i timori normativi in ​​Cina hanno colpito duramente l’azienda. Oggi, molti titoli tecnologici cinesi a grande capitalizzazione

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit