Il gas è il nuovo petrolio!

Se il 20° secolo è stato riconosciuto come l’era del petrolio, il gas naturale sarà il carburante chiave del 21°.
Uno dei motivi per cui i prezzi del gas naturale continuano la loro crescita inarrestabile in questo periodo è che è il sostituto più semplice del carbone poiché i paesi sono sotto pressione per ridurre le emissioni e, nel caso della Cina, mantenere la loro promessa di rendere di nuovo i “cieli blu”.
Vale a dire che a differenza del petrolio, che alimenta i trasporti, il gas naturale fornisce elettricità, tiene letteralmente le luci accese e fornisce calore a scuole, ospedali, aziende e circa il 40% delle case degli Stati Uniti.
L’elettricità stessa è ora anche un sostituto per i carburanti come la benzina. Quindi se ora il gas naturale sta diventando una materie prima da cui l’America dipende, lo saranno ancora di più nei prossimi anni, dal momento che alimenta circa il 40% della rete elettrica degli Stati Uniti.
Ogni veicolo elettrico venduto oggi che non è alimentato al 100% da fonti rinnovabili aumenterà la domanda di gas naturale a scapito del petrolio.
Pensa alle enormi implicazioni globali!
Circa il 20% delle auto vendute in Cina ad agosto erano già veicoli elettrici. In Germania il mese scorso, ha raggiunto il 29% (compresi gli ibridi plug-in)!
Il punto è che la domanda di petrolio sembra destinata a raggiungere il picco prima della domanda di gas naturale e il petrolio è molto più facile da sostituire.
Tutto quello che devi fare è guidare un veicolo elettrico e, almeno negli Stati Uniti, la domanda domestica di benzina scomparirà da un giorno all’altro.
Secondo svariate stime è probabile che il petrolio raggiungerà il picco entro il 2027, se non prima, ora che i prezzi del petrolio sono tornati a circa 80 dollari al barile.
L’ultima volta che i prezzi del petrolio sono stati così alti, alla fine del 2014, Exxon era una delle società più preziose al mondo. Oggi le sue azioni sono intorno ai 60 dollari, è uscita dal Dow Jones e la sua capitalizzazione di mercato è un terzo di quella di Tesla.
E LE ENERGIE RINNOVABILI? BELLA DOMANDA.
È probabile che l’America continuerà a fare affidamento sul gas naturale per il riscaldamento per anni, ma ad un certo punto l’ovvio risultato sarà il passaggio alle energie rinnovabili, che stanno continuando a farsi strada nell’alimentazione della rete elettrica.
La situazione in Europa è ancora peggiore, poiché la loro produzione di gas naturale è crollata, il nucleare è in fase di eliminazione e fanno molto affidamento sugli oleodotti tedeschi per le spedizioni globali di NGL (gas naturale liquefatto) e ad essere superati dall’Asia in questo momento.
Astutamente, la Russia ha anticipato tutto questo. Per timore che il loro potere geopolitico venisse indebolito dal calo della domanda di petrolio, il paese è diventato rapidamente uno dei principali fornitori di gas naturale e ora un punto cruciale per l’Europa.
Proprio stamattina, i prezzi del gas naturale europeo sono aumentati di nuovo quando la Russia è finalmente intervenuta, promettendo di aumentare le spedizioni facendo diminuire i prezzi.
Sul lungo termine, gli Stati Uniti, che sono anche uno dei “quattro grandi” produttori globali, insieme a Qatar e Australia, dovrebbero essere in grado di intervenire e colmare il divario di offerta.
È esattamente il motivo per cui i prezzi del gas naturale sono stati bassi per i produttori. Ed è per questo che i prezzi, sebbene siano raddoppiati rispetto a un anno fa, sono ancora una frazione di quello che sta pagando l’Europa.
Inoltre la bilancia commerciale e il PIL degli Stati Uniti dovrebbero beneficiare enormemente della domanda globale per le esportazioni di gas naturale liquefatto.
Il rischio più grande per le imprese energetiche americane nascerebbe se sia gli investitori che i responsabili politici spingeranno di più per allontanarsi dalla produzione di gas naturale degli Stati Uniti verso altri paesi produttori.
Chi controlla la materia prima controlla l’universo, questo non dimenticarlo mai.

Per oggi è tutto, prima di salutarti lascia però che ti ricordi che ottobre è il mese dell’educazione finanziaria e anche io ho voluto aderire all’iniziativa offrendo il mio ultimo libro Dove metto i miei soldi con il 40% di sconto.

Clicca qui per avere la tua copia

 

Al tuo successo.

Giuseppe Pascarella

 

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit