La macchina governativa USA sta per bloccarsi, cosa succederà nei mercati?

In termine tecnico si chiama Shutdown e si verifica quando il governo USA non ha i soldi per pagare i propri funzionari, causando così un blocco totale delle attività governative.

Una bella rogna, non c’è che dire.

Ne ho parlato anche nella mia ultima diretta su youtube…

Lo Shutdown è già avvenuto varie volte in passato e non è certo una cosa simpatica.

Prima di addentrarci a capire che conseguenze possono esserci se il Governo andrà nuovamente in Shutdown, lasciami dire che questo non corrisponde al fatto che gli Stati Uniti stanno andando in bancarotta e che quindi hanno finito i soldi. Semplicemente il governo ha un budget di spesa e su queste cose gli yankee sono piuttosto rigidi, non si può superare questo tetto nemmeno di un dollaro, almenochè non sia il congresso a dare l’autorizzazione. 

Ora il  tetto è stato raggiunto e il governo non può più spendere nulla se non ci sarà una specifica autorizzazione del Senato e, come sempre accade, il congresso prima di autorizzare lo sforamento si mette di traverso. Prima o poi la situazione si sbloccherà, anche se non è facile sapere quando.

C’è tempo ancora fino al 30 settembre poi se il Senato non autorizzerà ad alzare il tetto di spesa si entrerà, per l’ennesima volta, in shutdown. Negli ultimi 45 anni questa situazione è capitata ben 10 volte e dei 5 predecessori di Biden solo Bush non è incappato in questa grana.

Giovedì in diretta ho detto che quando il governo va in Shutdown i mercati non sono contenti, opinione che tra l’altro è stata confermata sul WSJ da Charles Lemonides, direttore degli investimenti della società di fondi speculativi di New York ValueWorks: “È normale che il mercato prenda una pausa e sia un po’ nervoso prima di uno Shutdown”.

Oggi ho pensato di approfondire il discorso vedendo come si è comportato il mercato azionario durante i precedenti 10 shutdown ed il quadro che ne esce è meno preoccupante di quel che sembra.

Infatti come puoi vedere dalla tabella qui sotto, in generale i mercati sono scesi o comunque rimasti fermi, a conferma di quello che vi ho detto giovedì, tuttavia negli ultimi due episodi il mercato è comunque salito.

Nel 2013 con Obama la salita è stata del 3% e nel 2018 con Trump la crescita è arrivata a ben il 10.27%.

Attenzione, non ti sto dicendo che ormai lo shutdown non fa più paura a nessuno e che anzi dobbiamo augurarci che avvenga perché quando la macchina governativa si blocca i mercati azionari festeggiano.

Ovviamente non è questo il messaggio che voglio darti. Il punto è che non dobbiamo mai ragionare a impulsi certi, ovvero succede lo shutdown e quindi vendo perchè sicuramente la borsa scende.

La regola aurea rimane sempre quella di non fare market timing, ovvero di non cercare di entrare ed uscire molte volte dal mercato nel tentativo di evitare le discese e approfittare delle salite. Sarebbe bello, ma nella realtà dei fatti non è possibile.

Certamente se entro il 30 settembre non verrà trovata una soluzione non sarà una bella notizia, ma come la storia recente ha dimostrato, finché le banche centrali pompano liquidità nel sistema anche lo Shutdown non farà tantissima paura ai mercati.

Quindi, niente panico e barra dritta.

L’ho già detto varie volte, ma permettimi di ripetertelo. Il segreto non sta nel capire se l’indice andrà sù o giù, ma nell’inserire in portafoglio titoli che siano in grado di performare bene in varie fasi del mercato.

La bontà del tuo portafoglio si misurerà in base al numero di scenari che sarà in grado di reggere.

Ecco perchè noi dedichiamo così tanto tempo all’analisi non solo del titolo ma dell’intero settore, stando molto attenti a non sovraesporci rendendoci così vulnerabili a repentine variazione del mercato.

Se anche tu vuoi avere un portafoglio resiliente al maggior numero di scenari possibili puoi tranquillamente, in modo facile e sicuro, seguire le mie orme replicando i miei portafogli. Per farlo non devi far altro che mandare un whatsapp al numero, 392 5186777 un mio collega ti richiamerà e ti spiegherà, senza impegno, quale soluzione è più adatta alle tue esigenze.

A domani.

Giuseppe

 

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit