Le migliori azioni americane, eccone 4 da buy now

Con i tassi di interesse che precipitano, molti investitori hanno preferito i mercati monetari nei loro portafogli, ma la sicurezza e il rendimento sono stati messi a dura prova. Nel tentativo di innescare la crescita, le banche centrali hanno spinto i rendimenti ai minimi di tutti i tempi, costringendo gli investitori a cercare rendimenti in azioni. I due settori meglio performanti di quest’anno sono le telecomunicazioni e le utilities, entrambi i quali sono ormai gravemente in ipercomprati, la domanda è: dove guardare ora ?

Uno dei posti migliori che conosciamo è il portafoglio della UBS basato sui dividendi. Gli analisti si concentrano su titoli con dividendi solidi che sono costantemente cresciuti nel corso del tempo, e le loro prestazioni di quest’anno sono state eccezionale. Al termine del primo semestre, il portafoglio era in crescita del 7,1%, contro il 3,84% dell’indice di riferimento S&P500.

Ci siamo concentrati su alcuni dei titoli che hanno sottoperformato più del solito e che possono essere i migliori acquisti in questo momento. Sono anche i più alti titoli da rendimento nel gruppo.

Boeing (BA)
Questa industriale aerospaziale top è ancora giù oltre il 10% dall’inizio dell’anno. Insieme alle sue controllate, progetta, sviluppa, produce, vende, servizi e supporti aerei di linea commerciali, aerei militari, satelliti, difesa missilistica, voli spaziali per umani e sistemi di lancio in tutto il mondo. Opera in cinque segmenti: aerei commerciali Boeing, aerei militari, sistemi di rete e spazio, Global Services & Support Boeing Capital.

Il margine di profitto lordo per il primo trimestre del suo anno fiscale 2016 è rimasto sostanzialmente invariato rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Anche se le vendite sono aumentate, l’utile netto è diminuito. La società ha liquidità molto debole. Attualmente infatti il sui Quick Ratio è dello 0,37 il che mostra chiaramente una mancanza di capacità di coprire le esigenze di cassa a breve termine anche se la stessa liquidità è aumentata rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, il che indica un miglioramento del flusso di cassa. Allo stesso tempo il patrimonio netto è notevolmente diminuito del 48,86% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno.

Intel (INTC)
Intel Corporation è la più grande azienda multinazionale produttrice di dispositivi a semiconduttore con sede a Santa Clara, California. Fondata nel 1968, è leader nel suo segmento di mercato. Il controllo totale del mercato dei processori x86 procurò all’Intel negli anni molte cause da parte dell’Antitrust. Attualmente Intel controlla l’85% del mercato dei processori a 32-bit, unico suo avversario è la Advanced Micro Devices con cui Intel ha un accordo dal 1976: ognuna delle due major può usare le tecnologie brevettate dall’avversario senza dover richiederne il consenso. Intel attualmente produce microprocessori, componenti di rete, chipset per motherboard (scheda madre), chip per schede video e molti altri circuiti integrati.

Intel ha registrato un primo trimestre in linea e ha abbassato le prospettive future. Merrill Lynch resta positiva sulla società e ritiene che vi è un solido potenziale di rialzo per il titolo. Alcuni analisti pensano che la ristrutturazione potrebbe tradursi in 0,23 $ di risparimo annuale sugli utili per azione. Intel fornisce un dividendo molto solido, il 3,15%.

Invesco (IVZ)
Questa azienda è leader di servizi finanziari ed ha forti posizioni in entrambe le exchange traded funds (ETF azionari), azionari e fondi comuni di investimento gestiti attivamente. Invesco sembra essere molto ben posizionata per capitalizzare afflussi in entrambi i segmenti, così come i prezzi delle attività più elevate, come molti a Wall Street vedono una continuazione del mercato toro per i prossimi sei anni.

Il margine di profitto lordo di Invesco per il primo trimestre del suo anno fiscale 2016 è rimasto sostanzialmente invariato rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Le vendite e l’utile netto sono scesi, ma la crescita ha superato la media all’interno del settore. Nello stesso periodo, il patrimonio netto (“patrimonio netto”) è rimasto praticamente invariato.

La società ha un P/E di 17.89 punti, in linea col settore Capital Markets e decisamente meno rispetto alla media dello S&P500 di 24.26. Il suo rapporto prezzo-book di 1,35 indica uno sconto rispetto alla media dello S&P500 di 2,77 e rispetto alla media del settore di 1,62. Invesco offre un dividendo del 4,48%.

>Nordstrom (JWN)
Questo rivenditore è stata colpito duramente e si presenta come un titolo di valore solido ai livelli commerciali correnti. La società è una dei principali rivenditori specializzati di moda con sede negli Stati Uniti. Fondata nel 1901 come un negozio di scarpe a Seattle, Nordstrom gestisce oggi circa 260 punti vendita in 35 stati, tra cui 117 negozi di full-line, 140 Nordstrom Rack e due boutique Jeffrey.

Il margine di profitto lordo per il primo trimestre del suo anno fiscale 2016 è rimasto sostanzialmente invariato rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Anche se le vendite sono aumentate, l’utile netto è diminuito, con un decremento delle sue stime. Attualmente il Quick Ratio è 0,24, il che mostra chiaramente una mancanza di capacità di coprire esigenze di cassa a breve termine. La liquidità della società è diminuita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, indicando il deterioramento del flusso di cassa. Allo stesso tempo il patrimonio netto è notevolmente diminuito del 65.75% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Gli investitori sono pagati con un dividendo del 3,86%.


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

Attenzione all’India…

“L’India potrebbe superare il Regno Unito come quinto mercato azionario più grande del mondo entro il 2024”.  Sono queste le parole che arrivano direttamente da Goldman Sachs. L’India è da sempre uno tra i primi

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit