Le obbligazioni sono il male assoluto?

Qualche giorno fa, sul mio gruppo Facebook Battere il Benchmark, ho pubblicato un interessantissimo estratto di un’intervista Warren Buffett, ovvero il più grande investitore di tutti i tempi.

 

Se ti sei perso il post puoi vederlo cliccando qui https://bit.ly/32qUCwb.

 

Già che ci sei, se non l’hai già fatto, iscriviti al gruppo, così potrai vedere le miei analisi e partecipare alle dirette che faccio ogni settimana sui fatti più importanti degli ultimi 7 giorni.

 

E’  tutto gratis e sgancio spesso informazioni di assoluto valore, quindi ne vale la pena.

 

Detto questo fammi fare solo un’altra precisazione poi ci tuffiamo nel cuore del problema.

 

Prima ho citato Buffett e, nel caso non lo sapessi già, ci tengo a dirti che lo considero uno dei miei maestri più importanti. 

 

Se negli ultimi 10 anni ho strapazzato il mercato ottenendo rendimenti migliori dell’S&P 500 lo devo molto anche e soprattutto ai suoi insegnamenti.

 

Ho anche avuto l’onore di incontrarlo dal vivo ed è stata una delle emozioni più forti della mia vita.

 

Se vuoi sapere come è andata trovi tutto nel mio ultimo libro Battere il Benchmark

 

…ma adesso concentriamoci sul messaggio di quell’intervista che, a ben vedere, si può riassumere in una frase:

 

Nel lungo periodo l’investimento in azioni è CERTAMENTE più redditizio di quello in obbligazioni.

 

Questo è assodato, lo possiamo prendere come un dato di fatto. E’ come fare una gara tra una Ferrari ed una Panda, il vincitore è scritto prima ancora di partire.

 

Attenzione però, dice sempre Warren, questo non vuol dire che tutti gli anni sarà così. 

 

Infatti è possibile che ci saranno alcuni anni in cui le obbligazioni performeranno meglio delle azioni, ma nel lungo periodo il comparto azionario sarà sempre il più redditizio.

 

Ed il lungo periodo, aggiungo io, è l’unico orizzonte temporale che conta per un investitore che tenga ai propri risparmi e li voglia veder crescere con percentuali importanti.

 

Questa filosofia ha guidato la mia vita di investitore ed i risultati mi hanno dato ragione, infatti negli ultimi 10 anni il mio rendimento lordo medio è stato del 22,78% mentre quello dell’S&P 500, cioè l’indice più rappresentativo di Wall Street, solo del 10,52%, praticamente meno della metà.

 

Quindi non posso che confermare ciò che ha detto il mio maestro.

 

Bene, fin qui credo che ti sia tutto chiaro, tuttavia le parole di Warren Buffett potrebbero trarre in inganno.

 

Infatti, dopo aver visto il video, potrebbe sorgere spontaneo farsi una domanda: ma allora le obbligazioni sono il male assoluto?

 

Ma certo che no!

 

Ogni strumento finanziario ha la sua utilità, dipende quando lo usi e soprattutto a che scopo.

 

E’ importante che ti abitui a vedere il mondo degli investimenti come una cassetta degli attrezzi, non esiste l’attrezzo migliore in assoluto, tutto dipende da cosa devi farci.

 

Se vuoi piantare un chiodo ti serve un martello, ma se il tuo obiettivo è svitare un bullone con il martello non ci riuscirai mai, devi per forza usare una chiave inglese. 

 

Allo stesso modo funziona per gli investimenti. 

 

Se devi investire i soldi che ti serviranno l’anno prossimo per andare in vacanza, il mercato azionario è l’ultimo posto a cui dovresti pensare, perché non c’è nessuna certezza che l’anno prossimo quei soldi abbiano ottenuto un rendimento.

 

Ma non solo…

 

Potresti addirittura scoprire che l’anno prossimo quei soldi sono il 10 o 15% in meno ed allora… addio vacanza.

 

Quindi, nel caso in cui tu debba parcheggiare i soldi che userai per le vacanze, investire in una obbligazione può essere un’ottima idea.

 

Attenzione però, ora non fare l’errore opposto iniziando a pensare che bisogna stare lontano dalle azioni solo perchè c’è il rischio di avere un anno negativo.

 

Ricordati della cassetta degli attrezzi… dipende sempre da qual’è il tuo obiettivo.

 

Quando il tuo obiettivo è far crescere il tuo patrimonio, e non solo parcheggiare una cifra per qualche mese, allora l’investimento in azioni diventa imprescindibile per riuscire a raggiungere il tuo scopo.

 

In particolare se l’obiettivo del tuo investimento è pagare l’istruzione dei tuoi figli o lasciare un bel gruzzoletto ai tuoi nipoti, oppure se investi per garantirti una pensione serena o anche solo per comprarti tra 4 o 5 anni una macchina più grossa…

 

…in tutti questi casi devi seguire il consiglio di Warren Buffett ed investire in azioni.

 

In pratica, tutte le volte che investi con l’obiettivo di vedere aumentare in modo importante il tuo capitale nei prossimi 5 o 6 anni, l’investimento in azioni sarà più conveniente di quello in obbligazioni. Sempre.

 

Quando investi devi essere bravo a scegliere lo strumento giusto, esattamente come il bravo meccanico deve essere bravo a scegliere l’attrezzo giusto.

 

Ma per sapere scegliere lo strumento giusto è importante conoscere le caratteristiche di ogni “attrezzo”.

 

Non basta sapere che una obbligazione in generale è più sicura di una azione ma rende meno. 

 

Questa è una conoscenza troppo superficiale per ottenere dei risultati. E’ un po’ come sapere che una chiave inglese serve a svitare un bullone…

 

E’ importante ma non basta.

 

Per svitare un bullone devi sapere di che misura è e scegliere, tra le chiavi inglesi, quella che è adatta alla situazione.

 

Allo stesso modo per scegliere una obbligazione devi sapere la differenza tra una obbligazione con o senza cedola o sapere quanto incide nel rendimento il prezzo d’acquisto, e questo solo per dire i primi due aspetti che mi vengono in mente.

 

Non ti spaventare, non serve essere un economista internazionale per investire con successo.

 

Però un minimo di infarinatura è importante averla. Il problema che in Italia l’informazione finanziaria è troppo spesso fumosa, riempita con paroloni che sembrano fatti apposta per non far capire nulla a nessuno.

 

Io non voglio pensar male, ma verrebbe quasi da credere che a qualcuno interessi che le persone abbiano una bassa cultura finanziaria.

 

Beh io non sono certamente tra quelli, anzi io sono convinto che più la finanza è conosciuta e più tutto il sistema ne guadagna.

 

Proprio per questo ho deciso di organizzare un meeting di due giorni dove io e tutto il mio team di analisti spiegheremo le poche ma fondamentali nozioni che bisogna sapere per investire con successo.

 

Al termine dei due giorni non avrai più dubbi su quale sarà “l’attrezzo” giusto da scegliere quando dovrai fare un investimento.

 

Questi due giorni però non vogliono essere un noioso corso di formazione, ma piuttosto l’occasione per passare insieme due giorni, per conoscerci, divertirci ed anche, ovviamente, per imparare qualcosa.

 

Il bello degli eventi dal vivo è che consci persone che hanno i tuoi stessi interessi ed oltre ad imparare si vive una bella esperienza.

 

Proprio perchè ci tengo che tutti possano accedere alle fondamentali regole che spiegherò durante il corso ho deciso di fissare un prezzo simbolico per questo evento.

 

Il biglietto costerà solo 147 euro e compreso nel prezzo ci saranno 4 coffee break, 2 pranzi e la cena del sabato sera. Più l’open bar durante l’evento!

 

Purtroppo però, per poter svolgere l’evento in totale sicurezza potrò accettare solo 110 persone, anche se la sala ne conterrebbe 300.

 

Se vuoi conoscere le date ed il programma completo clicca su questo link https://bit.ly/2El0yyV

 

Attento però, se sei interessato, ferma subito il biglietto, i posti sono veramente limitati e il rischio di rimanere fuori è molto alto.

 

Io non vedo l’ora… per me, conoscere le persone che mi seguono è un grande piacere, e quindi spero che tu sia tra queste.

 

Ci vediamo a Roma il 3 e 4 ottobre.

Questo è il link https://bit.ly/2El0yyV

Al tuo successo!

Giuseppe Pascarella

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

BABA, opportunità o tragico errore?

Alibaba è uno dei titoli tecnologici mega-cap più economici al mondo (per rapporto prezzo-Flusso di cassa) dopo che i timori normativi in ​​Cina hanno colpito duramente l’azienda. Oggi, molti titoli tecnologici cinesi a grande capitalizzazione

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit