Occhio a Intel…

Ieri Intel ci ha fatto sapere di aver stipulato un patto con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti – l’entità del contratto non è stata divulgata – per la produzione di microchip avanzati attraverso la sua unità di produzione di contract-chip..

Come era prevedibile il titolo Intel (ticker: INTC) nella sessione regolare di lunedì ha festeggiato, guadagnando il 2,4% per chiudere a $ 53,23.

Ma questo contratto ha una portata più grande, infatti lo si inserisce nello sforzo del Dipartimento della Difesa per utilizzare i produttori di chip con sede negli Stati Uniti per realizzare i chip necessari per i sistemi critici.

Abbiamo parlato tante volte della carenza globale di chip che sta diventano un problema strategico importante. Infatti ormai non solo gli Stati Uniti, ma molti paesi nel mondo, stanno facendo affidamento su una manciata di produttori di chip che alimentano qualsiasi cosa, dai personal computer ai vari componenti dei veicoli.

La cronica mancanza di questi chip sta diventando un problema serio. Ecco perché gli Stati Uniti stanno cercando di diventare indipendenti nella produzione.

In questa ottica è nato il programma Commercial Rapid Assure Microelectronics Prototypes, noto come RAMP-C, che ha appunto l’obiettivo di supportare i produttori di chip statunitensi in modo che ci sia una fornitura adeguata di parti per i sistemi critici del Dipartimento della Difesa.

Grazie all’accordo appena siglato Intel, attraverso la sua unità Foundry Services si unirà ad altre aziende come International Business Machines (IBM) e Synopsys (SNPS) a sostegno del programma RAMP-C.

Il CEO di Intel, Pat Gelsinger, ha affermato che Intel è l’unica azienda americana in grado di progettare e produrre i processori più avanzati. “Una delle lezioni più profonde dell’anno scorso è stata l’importanza strategica dei semiconduttori e il valore per gli Stati Uniti di avere una forte industria nazionale di semiconduttori”, ha affermato Gelsinger in una nota pubblicata dall’azienda.

Insomma Intel sembra decisa a lanciare la sfida a rivali del calibro di Taiwan Semiconductor Manufacturing (TSM) per prendere il controllo del settore. A riprova di ciò l’azienda ha fatto sapere che i suoi piani di investimento includono 20 miliardi di dollari per costruire due nuove fabbriche in Arizona.

Inoltre, nelle ultime settimane è trapelata la notizia secondo la quale Intel è in trattativa con il produttore di chip statunitense GlobalFoundries per un’acquisizione da 30 miliardi di dollari, un accordo che stimolerebbe il business dei contract-chip di Intel in diversi modi.

Insomma, Intel appare un titolo in grande fermento e varrà la pena tenerla d’occhio, anche se in tutta onestà non è ancora entrata a far parte delle aziende inserite nella Watch-list di PascaProfit.
Non escludo però che possa presto entrarci, d’altronde Intel è una vecchia conoscenza dei nostri portafogli, tanto che tra giugno 2019 e maggio 2020 l’investimento in Intel ci ha fruttato un sonoro +37,5%.

Vedremo se ci saranno le condizioni per ripetere una performance del genere.

Al momento ci stiamo concentrando su altri titoli….

…e molto presto passeremo all’azione.

Perché il mio team di analisti sta setacciando il mercato e ne ha selezionati alcuni che dimostrano chiaramente di avere la miccia accesa.

Vedi, questo è un processo che ripetiamo ogni giorno, per noi e per i nostri clienti.

Credimi, se i tuoi orari non te lo permettono e non puoi passare le giornate davanti uno schermo a studiare titoli di Borsa, fa tutta la differenza del mondo per i tuoi investimenti delegare questo compito ad una squadra competente.

Altrimenti rischi di fare solo casini.

Invece, in questo modo…

…entri, vedi il titolo, compri.

Stop.

E se ti sembra troppo bello per essere vero, basta dare un’occhiata ai risultati, parlano chiaro.

Tuttavia, per attivare il meccanismo più bello del mondo, quello che noi chiamiamo “fare soldi con i soldi”, basta mandare un messaggio al 392 518 6777 ed uno specialista del mio team ti mostrerà senza impegno come sarà possibile sin da subito mettere i tuoi risparmi in produzione.

Al tuo successo

Giuseppe Pascarella

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

BABA, opportunità o tragico errore?

Alibaba è uno dei titoli tecnologici mega-cap più economici al mondo (per rapporto prezzo-Flusso di cassa) dopo che i timori normativi in ​​Cina hanno colpito duramente l’azienda. Oggi, molti titoli tecnologici cinesi a grande capitalizzazione

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit