Oggi escono le trimestrali di Netflix, cosa prevede Wall Street?

Oggi, dopo la chiusura del mercato arriveranno le attesissime trimestrali di Netflix, che daranno il via alla stagione delle trimestrali dei tecnologici.

L’attesa è alta, perchè rappresenta una sorta di test per tutto il comparto, che deve dimostrare come sta gestendo la transizione verso l’economia post covid.

Il Wall Street Journal ha raccolto il parere di 4 analisti di 4 importanti istituti finanziari: Morgan Stanley, JP Morgan, Canaccord e Citi.

Tutti e 4 si sono sbilanciati, dando la loro previsione di quale sarà il prezzo che nel breve periodo raggiungerà il titolo, tuttavia, prima di andare a sentire il loro parere è bene inquadrare la situazione, cercando di capire come se la passa l’azienda californiana.

Netflix (ticker: NFLX) ha registrato una forte crescita degli abbonati nelle trimestrali di marzo e giugno, quando molti americani hanno smesso di andare in ufficio – o in qualsiasi altro posto – e si sono rivolti ai servizi di streaming media per l’intrattenimento.

Nella trimestrale di settembre, la crescita degli abbonati è rallentata più di quanto previsto da Wall Street, il che ha fatto sorgere dubbi sulla durata del boom dei due trimestri precedenti.

Per il quarto trimestre, i ribassisti vedono il rischio che la crescita degli abbonati possa essere rallentata dalla combinazione di un recente aumento dei prezzi e dalla crescente concorrenza di siti come HBO Max, Peacock e Disney +.

Ma è anche vero che la pandemia di Covid-19 è peggiorata negli ultimi mesi, il che potrebbe aver favorito la crescita di nuovi utenti e ridotto il calo degli abbonamenti.

Netflix ha previsto nella trimestrale di dicembre un fatturato di 6,6 miliardi di dollari, un utile per azione di 1,35 dollari e un aumento netto di 6 milioni di nuovi abbonati, rispetto ai 2,2 milioni del trimestre di settembre. 

Le previsioni per la trimestrale di dicembre sono di 6,6 miliardi di dollari di entrate, profitti di 1,38 dollari per azione e 5,9 milioni di utile netto.

Storicamente, la metrica del numero di abbonati, per il titolo Netflix si è dimostrata molto più importante rispetto al fatturato e all’utile netto. 

Non è detto però che con il tempo il mercato reagisca diversamente, dato che per l’azienda diventa sempre più importante il free cash flow.

Detto questo è giunto il momento di sapere l’obiettivo di prezzo di Netflx che la scorsa settimana ha chiuso ad un valore di 498 dollari per azione.

Partiamo con Benjamin Swinburne di Morgan Stanley che ha fissato il suo rating in: OVERWEIGHT  con un obiettivo di prezzo di 650 dollari. 

Questo uno dei passaggi della sua previsione…

“A seguito dell’adozione accelerata dello streaming del 2020, Netflix quest’anno si rafforza con una scala globale senza pari e un vantaggio competitivo ancora più forte che sostiene i continui guadagni azionari nel più ampio mercato televisivo da 500 miliardi di dollari” 

Proseguiamo con Maria Ripps di Canaccord che ha fissato il suo rating in: BUY con un obiettivo di prezzo di 630 dollari. 

Ripps scrive in una nota di ricerca che, nonostante l’intensificarsi della concorrenza, Netflix ha continuato a dominare il tempo di visualizzazione nel 2020, “grazie all’ampiezza e alla profondità della sua libreria di contenuti originali“.

Ripps ha aggiunto che mentre Netflix ha aumentato i prezzi e ha interrotto le prove gratuite, i rivali si sono affidati a sostanziali promozioni per cercare di rubarle abbonati. L’analista prevede 6,7 milioni di abbonati per il trimestre di dicembre e 28,6 milioni per il 2021, di cui 9,4 milioni nel primo trimestre.

Il terzo analista è:  Doug Anmuth di J.P. Morgan, che ha fissato il suo rating in: OVERWEIGHT – quindi molto positivo – con obiettivo di prezzo di 628 dollari. 

Anmuth proietta un incremento netto in linea con le previsioni dell’azienda, ma pensa che il sentiment sulle azioni sia moderato, con le preoccupazioni per i potenziali cali netti anno su anno nel 2021 dopo l’enorme crescita guidata da Covid nel 2020, così come l’aumento della concorrenza e le preoccupazioni persistenti su come i problemi di produzione potrebbero influenzare la lista dei contenuti.

In ogni caso Anmuth rimane rialzista. “Netflix è allo stesso tempo causa ed effetto della crisi delle TV generaliste, con i contenuti dell’azienda che stanno funzionando bene a livello globale e che guidano un circolo virtuoso di forte crescita degli abbonati, più entrate e profitti crescenti“, scrive. “Ci aspettiamo che Netflix continui a beneficiare della proliferazione globale di dispositivi connessi a Internet e della crescente preferenza dei consumatori per il consumo di video on-demand su Internet, con Netflix che si avvicinerà a 300 milioni di utenti a pagamento a livello globale entro il 2024“.

Ed infine chiudiamo con Jason Bazinet di Citi che pur essendo rialzista sul titolo Netflix va un po’ controcorrente e pensa che le prospettive del titolo Disney siano migliori.

Bazinet ha alzato il suo target price su Netflix a 580 dollari da 450 dollari. Ma mantiene il suo rating Neutrale e pensa che gli investitori che vogliono scommettere sul settore dello streaming ad abbonamento punteranno in Disney.

Preferiamo Disney per due motivi“, scrive Bazinet in una nota di ricerca. “In primo luogo, essendo arrivata dopo sul mercato, pensiamo che Disney abbia un percorso più facile e veloce per la crescita degli abbonati nei prossimi tre anni”. In secondo luogo, sospettiamo che Netflix possa avere qualche intoppo nei prossimi trimestri, dato che l’aumento dei prezzi può potenzialmente smorzare la crescita trimestrale, deludendo il mercato. Disney, d’altra parte, è in grado di mantenere i prezzi relativamente stabili“.

In sostanza, secondo Bazinet Netflix manterrà il suo vantaggio sulla piattaforma Disney fino al 2024 ma poi dovrà cedere il passo.

Sarà vero? Ah saperlo…

In ogni caso dal quadro che emerge dal parere di questi 4 analisti sembrerebbe che nel 2021 Netflix non dovrebbe avere grandi preoccupazioni.

Come sempre, da qui a dire che è il caso di mettere il titolo in portafoglio ce ne passa…

Ora però, prima di chiudere lascia che ti ricordi una cosa molto importante per me.

Infatti oggi nel giorno del mio 46esimo compleanno è uscito il mio nuovo libro: DOVE METTO I MIEI SOLDI.

È un progetto a cui tengo tantissimo perchè penso che possa veramente aiutare le persone ad ottenere il massimo dai propri risparmi.

Fino a domenica ho riservato una offerta per tutti gli iscritti al Pasca Daily.

Clicca qui per portarti a casa una copia a solo 17 euro anzichè 27.

Quando hai finito di leggerlo mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi. Ci conto.

Al tuo successo.

Giuseppe Pascarella

Firma

 


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

Attenzione all’India…

“L’India potrebbe superare il Regno Unito come quinto mercato azionario più grande del mondo entro il 2024”.  Sono queste le parole che arrivano direttamente da Goldman Sachs. L’India è da sempre uno tra i primi

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit