Perché ho comprato se penso che il mercato scenderà?

Da quando, qualche giorno fa, ho annunciato che avrei fatto acquisti su tutti i miei portafogli la cosa che più spesso mi sento dire è: 

“Ma non sarà troppo presto per comprare?”

Quando poi rivelo che io sono convinto che la discesa non sia finita allora le domande diventano ancor più pressanti e tutti, tra lo stupito ed il sospettoso, mi chiedono:

“Ma come, se pensi che il mercato scenda ancora perché hai iniziato a comprare?”

La risposta potrà apparirti controintuitiva, ma contiene un insegnamento molto importante.

Quindi mettiti comodo perché oggi ho deciso di regalarti una pillola di saggezza finanziaria che io ho dovuto imparare sulla mia pelle vivendo i mercati.

Innanzitutto, come ormai dovresti sapere se mi leggi da un po’, non bisogna intestardirsi nel tentativo di indovinare massimi e minimi.

Il mercato è pieno di investitori che pensano di riuscire ad anticipare i movimenti del mercato, ma centrare un massimo o un minimo è addirittura più difficile che trovare il lievito di birra al supermercato durante la quarantena.

Battute a parte, ciò che conta, come dico sempre, non è dove sarà il mercato tra sei mesi, ma dove sarà il mercato tra sei anni.

Fatta questa importantissima premessa andiamo nel cuore del problema perché immagino che ora tu ti stia facendo una domanda.

Ok Giuseppe, ma se non mi devo preoccupare se il mercato scenderà ancora di che cosa devo tenere conto per decidere se acquistare o no?

Potrà sembrarti una risposta banale, ma tu non stai comprando il mercato, stai comprando un singolo titolo, quindi è nell’analisi dell’azienda che stai mettendo in portafoglio che ti devi concentrare.

Permettimi di farti un esempio concreto così ci capiamo meglio…

Prendiamo il titolo Apple.

Sia chiaro non parlo di Apple perché penso sia un titolo da comprare, ma ne parlo perché lo conosciamo tutti molto bene e quindi ti sarà più facile seguirmi.

Vuoi sapere quali sono i titoli che hanno fatto guadagnare al mio portafoglio di punta il + 678% negli ultimi 10 anni?


Partiamo dal prezzo.

Apple ha raggiunto un massimo assoluto il 12 febbraio a 327,2 dollari per azione.

A seguito dell’ondata di ribassi seguita all’arrivo del coronavirus in Europa anche il titolo Apple è stato travolto e ha segnato un minimo relativo il 23 marzo a 224,37 dollari.

In soli 40 giorni Apple ha perso 102,83 dollari per azione ovvero il 31% del suo valore.

Ora Apple vale 267,99 dollari -prezzo aggiornato alla chiusura di giovedì 9 aprile.- Quindi ha recuperato il 19% dai minimi di marzo.

Ma ciò che conta è che ora Apple vale il 22% in meno rispetto a quanto era stata prezzata solo 2 mesi fa.

Alla luce di questo ti chiedo: ma secondo te Apple a causa del coronavirus ha perso la sua capacità di produrre sempre nuovi e irresistibili prodotti

Pensi che finito il virus le persone non vorranno più tablet o smartphone?

Non pensi che tra 10 anni apple possa valere almeno 3 o 4 volte quello che vale ora considerando che 10 anni fa valeva 8 volte meno di quanto vale oggi?

E’ questo quello che conta, capire le potenzialità dell’azienda e metterle in relazione con quello che potrà accadere nel medio lungo periodo.

Quello che vorrei che ti fosse chiaro è che non ha alcun senso aspettare di acquistarla solo perchè pensi che l’indice possa ancora scendere.

Se l’indice dovesse scendere ancora secondo te quanto potrà ancora perdere Apple: un 7/ 8%?

Pensi che sia rilevante al fine di un investimento che potrebbe durare qualche anno?

Dall’altra parte se aspetti cosa rischi?

Rischi che l’occasione ti scappi via tra le mani.

L’avidità è uno dei nemici peggiori di ogni investitore.

Spesso per volere troppo si finisce per non prendere nulla.

Ne vale pena? No assolutamente no.

Non ti fare influenzare dalle previsioni di breve termine, quello che conta è puntare su aziende solide e che abbiano un grande potenziale nel futuro.

Te lo ripeto perché non voglio essere frainteso: non ti sto in alcun modo dicendo di comprare Apple, infatti queste sono solo considerazioni generali.

E poi sinceramente in questo momento sul mercato ci sono aziende che sono molto più sottovalutate di Apple ed hanno un potenziale di crescita ancora più ampio.

È su queste aziende che ho deciso di puntare, perché so che ora rappresentano una grande occasione e non mi spaventa affatto se prima di risalire dovessero scendere ancora qualche punto percentuale.

L’occasione va presa quando c’è, senza cercare di comprare al minimo. Il rischio di vederla scappare sotto il naso è troppo alto.

Se anche tu vuoi sapere cosa bolle in pentola e quali sono le grandi occasioni che ho trovato sul mercato manda un WhatsApp allo 392 5186777,  un mio collega ti richiamerà e ti spiegherà nel dettaglio in che modo potrai replicare tutti i miei investimenti.

Al tuo successo.

Giuseppe

Firma

BATTERE IL BENCHMARK

“La guida definitiva per chi vuole investire con profitto nel mercato americano”

  • La mia strategia pratica
  • Casi studio di successo
  • Come iniziare a investire nel mercato americano
  • Costa solo 27 euro


Scopri di più



Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

BABA, opportunità o tragico errore?

Alibaba è uno dei titoli tecnologici mega-cap più economici al mondo (per rapporto prezzo-Flusso di cassa) dopo che i timori normativi in ​​Cina hanno colpito duramente l’azienda. Oggi, molti titoli tecnologici cinesi a grande capitalizzazione

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit