Si chiude un semestre storico per l’S&P 500. Come sarà il prossimo?

Negli ultimi vent’anni, cioè dal crollo delle Dot.com ad oggi, solo nel 2019 (+17,45) l’S&P 500 era riuscito a fare meglio nei primi 6 mesi dell’anno. 

A suo modo quindi in questo 2021 si è chiuso un semestre storico. (+14,4%)

Infatti come mostra chiaramente il grafico qui sopra, anche tirando indietro l’orologio di 30 anni vediamo che la performance che ci ha regalato questo 2021 è comunque di tutto rispetto.

Certo, non è mancata la volatilità, come puoi bene vedere dal grafico qui sotto, ma tutto sommato non è nemmeno stato un semestre così turbolento.

Ce ne fossero… si dice dalla mie parti a Modena.

Se diamo invece un’occhiata ai settori che hanno trainato l’indice vediamo, senza grande stupore per la verità, che gli energetici, i servizi di comunicazione e i finanziari l’hanno fatta da padrone. Anche se va segnalato che tutti i settori hanno portato il loro contributo, visto che nei primi 6 mesi nessun settore ha chiuso in rosso. Per quanto le utilities si siano salvate per il rotto della cuffia con un misero +0.35% da gennaio ad oggi.

Aumentando lo zoom possiamo vedere che quasi tutti i titoli hanno chiuso al rialzo.

Tra le big molto bene Google con un +39,32% e Microsoft con un +21,08%. Sorprese in negativo sono invece state Netflix con -2,31% e Tesla con -3,68%.

Insomma, guardando in numeri dei primi 6 mesi verrebbe voglia solo di festeggiare, tutto sembra andare a gonfie vele.

Sai bene che lascio le previsioni ai maghi, però se mi leggi con costanza saprai che questi rialzi non mi sorprendono di certo, avendo più volte detto che mi aspettavo un 2021 positivo sui mercati.

Tuttavia siamo solo a metà del guado ed è molto presto per cantare vittoria. I temi di preoccupazione – vedi rischio inflazione e rischio bolla causato da un eccessivo aiuto sia fiscale che monetario da parte del governo e della FED – sono ancora tutti sul piatto.

In tutta onestà io rimango ottimista. Sono ancora convinto che il 2021 possa chiudere in positivo, anche se ovviamente non sottovaluto nulla e rimango particolarmente vigile.

Ci tengo però a sottolinearti una cosa.

Mi raccomando, non fare l’errore di vendere perchè: “il mercato è già salito tanto e adesso deve ritracciare”.

Purtroppo questa è una errata convinzione che hanno tantissimi risparmiatori, ma è una convinzione totalmente infondata.

E non lo dico io, lo dice la storia dei mercati.

Visto che stiamo parlando delle performance dell’S&P 500 nei primi 6 mesi, può essere interessante vedere cosa ha fatto nei secondi 6 mesi l’indice quando i primi 6 erano stati positivi.

Dal 1979 ad oggi, nei primi 6 mesi per 14 volte l’S&P 500 è cresciuto per più del 10% .

In questi 14 anni la performance media dei secondi 6 mesi è stata del +6,3%. Non male direi.

Ma non solo, in questi 14 anni dove nei primi 6 mesi le cose erano andate bene, per ben 11 volte -quindi il 79% dei casi- sono andate bene anche nei secondi 6 mesi.

Credo che siano numeri che non lasciano dubbi sul fatto che uscire dal mercato ora solo perché l’indice è salito troppo non sia mai una buona idea.

In ogni caso, ricorda sempre che se vuoi battere i mercati la differenza la farai nell’analisi della singola azione, non nel capire se nella seconda parte dell’anno l’S&P 500 sarà positivo o negativo.

Io e soprattutto il mio fantastico team di analisti analizziamo aziende tutti i giorni e tutto il giorno ed è in questo modo che abbiamo costruito le nostre performance che, lasciamelo dire sono state veramente molto buone.

Infatti se i primi 6 mesi dell’S&P 500 sono stati da record i primi 6 mesi del nostro portafoglio premium sono stati ancora meglio.

Infatti abbiamo abbondantemente battuto l’indice mettendo a segno un guadagno da gennaio ad oggi di ben +19,74%.

Posso garantirti che sono numeri che fanno in pochi.

Ovviamente se anche tu vuoi godere delle nostre analisi e vuoi iniziare a fare soldi nel mercato più profittevole al mondo -ovvero il mercato americano- le nostre porte non sono aperte ma spalancate.

Ti aspettiamo con gioia. Manda un messaggio allo 392 51 86 777 ed un mio collega ti richiamerà e senza impegno ti spiegherà come anche tu puoi iniziare a guadagnare investendo, in tutta semplicità, guidato dai nostri consigli.

Al tuo successo.

Giuseppe Pascarella

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

BABA, opportunità o tragico errore?

Alibaba è uno dei titoli tecnologici mega-cap più economici al mondo (per rapporto prezzo-Flusso di cassa) dopo che i timori normativi in ​​Cina hanno colpito duramente l’azienda. Oggi, molti titoli tecnologici cinesi a grande capitalizzazione

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit