Un punto di vista alternativo sul grande recupero dell’S&P 500

Se chiedete ad un qualsiasi commentatore finanziario di spiegarvi come mai l’S&P 500 sia rimbalzato così violentemente, riportandosi molto vicino alla situazione pre-covid, vi dirà che questa salita è stata trainata dai titoli tecnologici.

E fin qui nulla da dire, i numeri sono numeri ed è evidente che le famose FAANG -Facebook Amazon, Apple, Netflix, Google- con l’aggiunta di Microsoft hanno sovraperformato l’indice permettendogli di mettere a segno uno dei maggiori rialzi degli ultimi 30 anni.

Se però voleste indagare il motivo per cui i mercati stanno ignorando i segnali, non certo incoraggianti, che provengono dall’economia reale bè qui potreste ricevere risposte più variegate.

Molto probabilmente però vi sentireste dire che i titoli tecnologici hanno risentito meno del lockdown, che gli stimoli fiscali hanno dato una grossa mano e che gli studi incoraggianti sul vaccino hanno fornito la giusta fiducia agli investitori per spingere al rialzo i mercati.

Certo tutte spiegazioni corrette, ma che probabilmente non raccontano la verità fino in fondo.

I mercati sono organismi complessi e per capirli è importante avere una visione a 360 gradi, sforzandosi di non fermarsi alle apparenze e non accontentandosi della spiegazione che va più di moda.

Questo sforzo, ultimamente, l’ha certamente fatto Bill Gross fornendo una visione alternativa, ma molto interessante, della salita dei mercati.

Immagino che questo nome non ti dica granchè, infatti Gross è famoso soprattutto tra gli addetti ai lavori, ma posso garantirti che è un grandissimo conoscitore dei mercati tanto da essere definito il re delle obbligazioni.

Circa 18 mesi fa Gross si è ritirato ed ora si gode la sua meritatissima ed immagino molto lauta pensione, tuttavia qualche giorno fa ha deciso di tornare sulla scena con una scoppiettante intervista che val la pena di leggere.

Ecco perchè ho deciso di darti un piccolo bignami di questa intervista, un po’ per farti guadagnare tempo ed un po’ per cercare di semplificare visto che tratta temi riservati solitamente agli addetti ai lavori. 

D’altronde il PascaDaily ha proprio questo scopo, da una parte cerco di farti risparmiare tempo selezionandoti le notizie più importanti e dall’altra mi sforzo di rendere comprensibili i concetti più ostici.

Non è un compito facile, ma io ce la metto tutta.

Ma torniamo al nostro nuovo amico Bill Gross e alla sua intervista.

Per prima cosa ha attaccato gli “esperti” che solitamente parlano su CNBC perchè a suo dire sono troppo accondiscendenti con il pensiero comune.

Per la verità ha usato una espressione molto più colorita: “They Kiss derriere”.

Ma lasciamo stare la soluzione letterale che ha a che fare con i baci e con il sedere e concentriamoci su ciò che è veramente interessante, ovvero il suo punto di vista riguardo alle motivazioni della salita delle Faang e di conseguenza di tutto il mercato.

Secondo Gross tutti i motivi che solitamente vengono citati -e che anche io ho scritto all’inizio dell’articolo – hanno sì avuto un peso ma il vero motivo è un altro ed è un motivo strettamente tecnico e viene da molto più lontano rispetto al covid-19.

Se vogliamo capire questa salita dobbiamo concentrarci sui tassi di interesse.

Gross basa la sua teoria su di una formula chiamata Gordon Growth Model che è abbastanza complicata ma ha alla base un ragionamento semplice.

Il prezzo delle azioni dipende dai dividendi ed i dividendi sono influenzati dai tassi di interesse delle obbligazioni statali americane a 20 anni, ecco perché i tassi di interesse sono centrali nell’andamento dei prezzi.

E, secondo Gross, l’evidenza empirica ha dimostrato che azioni come Apple o Amazon beneficiano in maniera molto maggiore dei cali dei tassi di interesse, tanto che un calo del 2% sui tassi può far aumentare i prezzi delle azioni Amazon anche del 50%.

Questo succede perchè le cosiddette azioni growth sono quelle che hanno i risultati attesi maggiori nel corso degli anni e quindi potenzialmente potrebbero distribuire dividendi che diventano molto appetibili in un contesto di tassi di interesse bassi.

Infatti, ci ricorda sempre Gross, se paragoniamo il prezzo delle azioni Microsoft con l’andamento dei titoli di stato americani legati all’inflazione (i famosi TIPS) vediamo che nel medio periodo la correlazione è altissima. Quando i rendimenti dei TIPS salgono il prezzo delle azioni Microsoft scende, e viceversa.

Diverso è il discorso per i titoli ciclici o per le cosiddette azioni value, ovvero le azioni che si basano su business molto solidi e che hanno ottimi bilanci, dove una variazione dei rendimenti dei TIPS pesa molto di meno sui prezzi.

Ecco perché, questo ulteriore ribasso dei tassi di interesse ha favorito i titoli come Amazon o Microsoft, ed in generale tutte le FAANG.

Se poi consideriamo che le FAANG più Microsoft pesano per più del 40% dell’intero S&P 500 ecco spiegata la risalita così veloce.

Attenzione però, e qui sta racchiuso il messaggio che ha voluto dare Gross, le cose potrebbero cambiare.

Infatti i tassi di interesse sono ormai scesi a livelli molto vicini allo zero e quindi i prezzi di queste azioni potrebbero faticare a trovare nuovi spunti per sovraperformare il mercato.

Probabilmente nel prossimo futuro saranno da preferire le azioni Value, come Coca Cola o Proctor & Gamble solo per citarne alcune.

 

A dir la verità Gross ha anche fatto il nome di qualche azioni sulle quale ha investito, come Enterprise Products Partners, Altria Group o AbbVie, ma mi raccomando non sono indicazioni di acquisto da prendere alla lettera.

Questi grandi operatori seguono logiche molto diverse da quelle di noi piccoli investitori.

Il succo del discorso è che alla luce della sua analisi ci potrebbe essere un cambio della guardia in futuro a favore delle aziende cosiddette value, che tra l’altro sono da sempre tra le miei preferite.

Quindi puoi star certo che io ed il mio staff ci faremo trovare pronti.

Se anche tu vuoi farti trovare pronto replicando tutte le mie operazioni puoi abbonarti ad uno dei miei servizi.

Abbonandoti ai miei servizi potrai operare nel mercato americano in modo semplice e sicuro senza dover fare noiose analisi e senza la paura di sbagliare. Se vuoi informazioni manda adesso un whatsapp allo 392 5186777. Un mio collega risponderà a tutte le tue domande e ti aiuterà a capire quale dei miei portafogli è più adatto alle tue esigenze.

 

Al tuo successo!

Giuseppe Pascarella

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

BABA, opportunità o tragico errore?

Alibaba è uno dei titoli tecnologici mega-cap più economici al mondo (per rapporto prezzo-Flusso di cassa) dopo che i timori normativi in ​​Cina hanno colpito duramente l’azienda. Oggi, molti titoli tecnologici cinesi a grande capitalizzazione

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit