Editoriale Pascarella: Dove investire 100 mila dollari in questo momento

I mercati sono stati colpiti dall’incertezza. La cosa che i mercati odiano di più, è proprio l’incertezza. Incertezza sull’entità dei futuri aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve, sull’impatto della catena di approvvigionamento, sulle ricadute economiche dell’aumento dell’inflazione.

Con le azioni ai massimi storici, Wall Street prevede un rallentamento della crescita. Eppure una cosa è inequivocabilmente chiara: ci sono sempre opportunità per gli investitori intelligenti.

I tassi di interesse, l’inflazione e la volatilità del mercato azionario sono tutti in aumento. L’indice S&P 500 ha avuto il peggior inizio di anno in assoluto, prima di risalire e scendere di nuovo. È stato facile fare soldi sui mercati l’anno scorso, ma sembra che il 2022 richiederà molte più abilità e strategia.

Quali saranno le aree di mercato su cui dovresti concentrarti se ti regalassero 100.000 dollari da investire.
Ci sono una moltitudine di scelte, titoli sottovalutati in Europa, criptovalute, settori che potrebbero andare bene in periodi inflazionistici fino a fondi di investimenti immobiliare privati. 

Il settore energetico


Non è una novità che io adori in questo periodo i settori che beneficiano dell’inflazione e possono spingere i costi per i consumatori verso l’alto nell’attuale ambiente. Uno di questi è di certo l’energia.  Non credo che la grande spinta verso un’energia sostenibile e priva di emissioni di carbonio attraverso fonti di energia rinnovabile, sebbene ammirevole, sia pronta.

Perchè? Il motivo è che mancano strumenti fondamentali per farla crescere più velocemente. Prima di tutto l’infrastruttura necessaria per catturare, immagazzinare e trasmettere energia pulita.
Questo è fondamentale per avere un mondo energetico privo di fossili, soprattutto nei mercati emergenti.

Io credo molto nell’energia pulita, come nel settore della cyber security e quello oncologico.

Ma la transizione verso un ambiente privo di emissioni di carbonio richiederà più tempo del previsto, unito ad un calo delle riserve, alla mancanza di investimenti nelle scoperte e all’aumento della domanda, le pressioni al rialzo sui prezzi del petrolio continueranno per qualche tempo. 

Le società sopravvissute all’ultima rotta petrolifera, con gli attuali prezzi del petrolio, stanno generando significativi flussi di cassa da trasferire agli investitori, aumentando i dividendi. Con l’aumento dei prezzi del petrolio, le compagnie petrolifere hanno rafforzato i loro bilanci e molte godono di rendimenti del 5% o più elevati. Alcune delle attraenti compagnie petrolifere di fascia media specializzate nel trasporto e nello stoccaggio di prodotti petroliferi hanno rendimenti che si avvicinano al 7% all’8%.

C’è un interessante ETF sull’energia per chi cerca un’esposizione diversificata a basso costo. I due più popolari sono il ​​Vanguard Energy ETF (VDE), che detiene 107 società energetiche e costa lo 0,10% e l’Energy Select Sector SPDR Fund (XLE), che detiene solo 24 società ma è molto liquido. L’XLE ha appena abbassato il suo costo a 0,10%.

Non è un segreto che io ami lo stock picking, la scelta delle migliori società sottovalutate dal mercato, ma per chi non ha il tempo o la struttura per fare un certo tipo di analisi e volesse studiare questi due ETF, ritengo siano davvero interessanti per i prossimi 5 anni. Attenzione, l’energia pulita prima o poi arriverà e questi dovranno modificare il loro assetto se vorranno ottenere plusvalenze. 

Inoltre investire in singole società ci offre un rendimento da dividendo maggiore, a fronte però di un rischio più alto. 

I REIT sono interessanti, ma fino ad un certo punto.

Con valutazioni azionarie relativamente elevate e il potenziale aumento dei tassi di interesse che rendono il reddito fisso relativamente poco attraente, penso che i REIT non dovrebbero essere scartate. 

In generale, i REIT offrono agli investitori un rendimento più elevato rispetto al reddito fisso con un rischio di tasso di interesse inferiore. Gli investitori possono inoltre beneficiare dell’apprezzamento del valore sottostante degli immobili di proprietà del REIT. Inoltre, gli immobili offrono un certo grado di protezione dall’inflazione poiché gli affitti tendono ad aumentare in concomitanza con i prezzi.

Parliamo del tanto conclamato ESG

Le società ESG sono titoli che seguono criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) rispetto ai loro competitor. Il cambiamento climatico e i movimenti per la giustizia sociale, insieme alla proliferazione delle metriche ESG disponibili, stanno elevando il profilo delle aziende che sono “brave d’impresa”.

Ogni società ESG ha un punteggio, più è elevato, più scala la classifica dei migliori ESG, unito alla forza economica e le solide aspettative sugli utili aziendali, renderebbero questi titoli molto più interessanti rispetto ad altr.

Tenendo presente l’incertezza e le mutevoli aspettative date le notizie critiche economiche, Linde, una società che opera come società di ingegneria e gas industriale in Nord e Sud America, Europa, Medio Oriente, Africa e Asia Pacifico seleziona tutte le caselle come titolo ciclico nel settore dei materiali, è leader nei gas industriali e nello sviluppo di idrogeno verde, in grado di produrre energia a zero emissioni di carbonio.

Questo segmento del settore delle energie rinnovabili alternative è destinato a crescere con l’obiettivo del presidente Joe Biden di decarbonizzare la rete elettrica entro il 2035.

Toyota Motor, Honda Motor e Hyundai Motor hanno già iniziato a sviluppare veicoli elettrici a celle a combustibile a idrogeno. La Toyota Mirai, attualmente disponibile in California, può essere ricaricata in cinque minuti a una pompa dell’idrogeno con un’autonomia di 402 miglia tra un rifornimento e l’altro.

Esiste anche un ETF interessante, l’iShares ESG Aware MSCI USA ETF (ESGU), è il più grande ETF socialmente responsabile. Almeno si spera. 

Chiudiamo con la mia area preferita, il settore sanitario. 

Un’area a cui abbiamo dedicato molto tempo, soprattutto a causa della pandemia, è lo spazio sanitario. Abbiamo visto l’impegno dei consumatori verso l’accesso ai vaccini. Abbiamo anche assistito a una mobilitazione dei servizi sanitari in tutto il mondo per far fronte al Covid-19.

Tutto questo mi ha fatto molto pensare alle compagnie di assicurazione dei servizi sanitari. Aziende che sono in settore al riparo dall’inflazione e che offrono un servizio che dopo la pandemia è cresciuto molto. 

Per esempio UnitedHealth. Per molto tempo ha dimostrato ritorni davvero forti nella propria attività e nei confronti degli azionisti. Parte del motivo per cui è stata un’azienda di così alta qualità è che quasi il 50% della sua attività è legato alla tecnologia dell’informazione sanitaria: hanno dati che provengono dalla loro attività Optum, che si consulta con i clienti aziendali sui costi dell’assistenza sanitaria. L’altro 50% dell’attività dell’azienda è l’assicurazione sanitaria.

La tecnologia e i dati sono strumenti per ridurre i costi e UnitedHealth può prendere decisioni molto ben informate sui propri prodotti per i servizi sanitari. Non posso non citare CVS, che si è fusa con Aetna quasi tre anni fa. Le due società hanno molto know-how digitale e anche loro si stanno avvicinando alla telemedicina e stanno scoprendo quanto bene offre per determinate aree di cura, in particolare l’assistenza sanitaria mentale, ma anche dermatologia e altre aree.

Al di là di queste due società, tra le migliori in America, è il settore in generale che risulta interessante in questo delicato periodo di mercato.

Sottolineo ancora una volta che i miei non sono consigli di acquisto, sono considerazioni nel caso piovessero dal cielo 100 mila euro. Ma prima di fare qualunque acquisto, vi invito a parlare con il vostro consulente di fiducia oppure di fare un’analisi molto approfondita di ogni singolo titolo, ETF o settore. 

 

Al tuo successo,

Giuseppe 

 

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

Conviene investire sull’oro?

Giuseppe se il mercato inizia a scendere mi conviene investire sull’oro? Questa rimane sempre una delle domande più gettonate tra tutte quelle che ricevo da amici e clienti e quindi vorrei provare a dare una

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit