I mercati scendono ma qualche buona notizia c’è

La settimana a Wall Street non è iniziata nel migliore dei modi con i principali indici che si colorano tutti di rosso.

Questa sarà una settimana importante a livello di dati macroeconomici, infatti oggi ci sarà l’atteso discorso del presidente della Fed, mentre domani e giovedì arriveranno importanti dati riguardo all’inflazione e al mercato del lavoro.

Sarà un buon termometro per capire come se la passa l’economia a stelle e strisce che a livello mondiale ha comunque un peso ancora molto importante.

Mentre scrivo queste righe Powell deve ancora parlare e siccome lo farà tra pochissime ore è inutile mettersi a fare previsioni. Ascoltiamolo e dopo avremo tutto il tempo di trarne le debite conclusioni.

In ogni caso, c’è un dato molto importante che è già arrivato e che in pochi stanno sottolineando. Ne parla oggi il WSJ in un suo articolo.

I vincoli della catena di approvvigionamento globale stanno iniziando ad allentarsi e questa, lasciamelo dire, è un ottima notizia.

Come sempre il cielo su Wall Street non è mai così nero come si cerca di dipingerlo.

Questa settimana, l’indice manifatturiero dell’Institute for Supply Management ha mostrato che l’ indice dei prezzi pagati è sceso a 68 a dicembre da 82 del mese precedente. 

Ciò significa che i componenti stanno diventando più disponibili per l’acquisto da parte delle aziende, riducendo al contempo i costi di trasporto. Secondo Wolfe Research, i prezzi dei container di spedizione sono diminuiti di oltre il 50% dal picco del 2021, misurato da un indice composito delle tariffe dei container. Questo dato ci dice che le merci stanno diventando sempre più disponibili per essere trasportate e vendute.

Insomma, a giudicare da questi dati sembra che uno dei problemi maggiori del 2021 sia in via di risoluzione.

E allora perché i mercati stanno scendendo?

Bhè innanzitutto i mercati non sono macchine perfette, quindi non è mai facile sapere con certezza le logiche che li muovono. D’altronde se ci pensi, l’anno scorso, mentre la catena di approvvigionamento era totalmente in crisi i mercati continuavano a crescere quindi è possibile che avessero già prezzato una veloce soluzione del problema.

In ogni caso l’aspetto più probabile è che comunque ci vorrà un po’ di tempo prima che questo sblocco -che comunque non è ancora avvenuto del tutto- possa dare i suoi effetti dentro i bilanci delle aziende in termini di maggiori vendite e minor costi di consegna.

Ecco perchè io credo che questa sia, senza dubbio, da salutare come una bella notizia.

Come dico sempre non bisogna mai lasciarsi prendere dalla paura di un imminente crollo. La tua possibilità di far rendere al massimo i tuoi soldi sarà strettamente legata alla capacità di autocontrollo che mostrerai proprio nei momenti in cui tutti i giornali cercano di impaurire le persone prefigurando grandi crolli.

Come ti dimostrano i dati che ti ho appena riportato le occasioni sul mercato si trovano sempre, basta guardare le cose con freddezza e lucidità, senza mai farsi prendere dal pessimismo.

Investire bene è una cosa molto importante, se vuoi farti aiutare nelle tue decisioni dai miei analisti sai bene che la porta della famiglia PascaProfit è sempre aperta.

Per conoscere quello che possiamo fare per aiutarti a far crescere il tuo capitale nel tempo manda un messaggio al 392 51 86 777, un mio collega ti richiamerà per spiegarti tutto senza nessun impegno da parte tua.

 Al tuo successo!

Giuseppe Pascarella

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

Che fine hanno fatto le crypto?

I prezzi delle criptovalute sono crollati durante il fine settimana.  Il Bitcoin, il padre di tutte le crypto, si è avvicinato al minimo annuale. Il prezzo, nelle ultime ore, è crollato di oltre il 10%

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit