Incontro Biden-Powell: cosa bolle in pentola?

Per certi versi è piuttosto normale vedere che la politica cerchi di entrare all’interno del sistema economico di un Paese.

C’è chi pensa che i due mondi camminino paralleli, senza mai incontrarsi un po’ come i binari di un treno…

Ma la verità è che la politica e l’economia non possono essere due entità separate.

L’una è complementare all’altra per far sì che un Paese goda di buona salute.

Ovviamente, qui parliamo di teoria…

Nella pratica le cose sono leggermente diverse…

Negli Stati Uniti, ad esempio, per tantissimi anni la politica non si è occupata di economia. 

Quest’ultima, infatti, era totalmente sotto il controllo della Federal Reserve.

Tuttavia, negli ultimi trent’anni, dopo la guerra del Golfo, le cose hanno iniziato a cambiare.

La politica, infatti, ha cercato di infiltrarsi all’interno della Fed.

E non soltanto con le nomine del presidente…

Ma anche con suggerimenti o nomine di “candidati politici” che avrebbero seguito i loro suggerimenti durante tutto il periodo del loro mandato. 

Ma perché questo discorso? 

Perché il presidente USA, Joe Biden, ha discusso le misure per affrontare l’inflazione in un incontro alla Casa Bianca con il presidente della Federal Reserve Jerome Powell.

Tutto qui?

Ovviamente no… 

Il capo del governo ha infatti scritto un editoriale, pubblicato anche sul Wall Street Journal, in cui spiegava i suoi punti per combattere l’inflazione. 

In pratica, è come se avesse bocciato la linea operativa portata avanti finora dalla Fed, quindi da Powell. 

Certo…

Molti credono sia rivedibile la strategia adottata dal presidente della Fed.

C’è chi pensa che aumentare i tassi d’interesse in maniera troppo aggressiva possa essere un macigno al momento insostenibile per l’economia.

Altri pensano si sia mosso troppo tardi…

Ma vedere un Presidente democratico, stilare una strategia operativa per reprimere l’inflazione e pubblicarla sul più importante quotidiano del mondo, sembra, a parer mio, un’azione più alla Trump che alla Biden.

Tuttavia, come dice lo stesso Biden:

“Piena fiducia a Powell, i miei sono solo dei consigli”. 

Ad ogni modo, l’incontro avvenuto ieri sera, ha evidenziato quanto la Casa Bianca faccia affidamento su forze esterne per combattere l’inflazione più alta degli ultimi quattro decenni. 

Biden si è inoltre congratulato con Powell per la sua recente conferma al Senato e ha promesso di mantenere un approccio senza riserve alla Fed. 

Le sue parole sono state: 

“Non ho intenzione di interferire con il loro lavoro di fondamentale importanza”. 

Hanno un focus laser nell’affrontare l’inflazione, proprio come me”. 

Brian Dyson, il direttore del Consiglio economico nazionale della Casa Bianca, ha detto ai giornalisti che è stato un incontro molto costruttivo, incentrato sulle prospettive per gli Stati Uniti e l’economia globale. 

Un incontro durante il quale la Casa Bianca ha cercato di marcare ancor di più il contrasto netto con i repubblicani sull’economia e l’inflazione.

Perché questo?

Perché tra pochi mesi, più precisamente a novembre, ci saranno le Midterm Elections, le elezioni di medio termine.

Le Midterm Elections sono a tutti gli effetti una riconferma del Presidente a due anni dall’inizio del suo mandato.

In poche parole, i cittadini americani saranno chiamati a votare per decidere se Biden sta facendo un buon lavoro.

Sono un momento cruciale per qualsiasi Presidente poiché non c’è nulla da guadagnare, ma tutto da perdere.

Infatti se Biden dovesse uscirne sconfitto, perderebbe automaticamente la maggioranza al Congresso e al Senato. 

E per i prossimi due anni, quindi fino alla fine del mandato elettorale, non potrebbe emettere alcuna legge. 

Ma tornando all’incontro…

I consiglieri politici di Biden hanno tirato fuori dei contrattacchi riguardo l’inflazione.

Ma i consulenti economici della Fed non hanno abbracciato con entusiasmo le proposte discusse. 

Lo stesso Biden, inoltre, non ha detto se allenterà i dazi su alcune importazioni cinesi, risolvendo così una disputa interna. 

Molti dei suoi consiglieri economici, tra cui la Yellen, segretario al commercio e membro del Council of Economic Advisers, hanno favorito la riduzione delle tariffe imposte dal presidente Donald Trump nel tentativo di ridurre i costi dei consumatori. 

L’amministrazione di Biden sta inoltre discutendo in queste fasi di alcune importanti operazioni che dimostrino il suo impegno ad allentare le pressioni sui prezzi.

La difficoltà, però, sta nel garantire agli americani che l’aumento dei costi si ridurrà molto presto. 

La fiducia dei consumatori, infatti, è crollata a causa dell’aumento dei prezzi di cibo e gas. 

Il mercato petrolifero globale inoltre potrebbe affrontare ulteriori tensioni a seguito dell’impegno dell’Unione Europea nel vietare l’importazione di petrolio russo. 

Ora, come dicevamo all’inizio…

Economia e politica negli ultimi anni sono stati protagonisti di un rapporto alquanto spigoloso, rendendo così difficile un lavoro d’orchestra per il bene del Paese.

Quindi la decisione della Casa Bianca di sottolineare il ruolo della Fed nell’affrontare l’inflazione è degna di nota.

È una delle poche volte, negli ultimi 70 anni, che in un periodo fortemente inflazionistico il governo ha esplicitamente invitato la Banca centrale ad affrontare quelle pressioni sui prezzi. 

Non dimentichiamoci che in passato, specialmente dopo la Seconda guerra mondiale, l’amministrazione del governo spesso ha fatto pressioni sulla Fed affinché non inasprisse la politica monetaria. 

Ora invece, sembra come se Biden voglia aiutare la Fed nel combattere l’inflazione.

Molti, infatti, si interrogano sul perché il Presidente abbia adottato tale strategia.

È spinto unicamente dalla volontà di riportare quanto prima i prezzi a livelli sostenibili, oppure c’è dell’altro…

Come le elezioni di medio termine a novembre…

Ahimè, non possiamo saperlo, ma speriamo solo che gli economisti, come già successo in passato, non siano poi chiamati a sistemare gli innumerevoli errori commessi dai politici.

 

Al tuo successo,

Giuseppe 

 

Firma


Vuoi continuare a leggere l’articolo?
Iscriviti subito a Editoriali Pascarella, è GRATIS
Iscrivendoti all’Editoriale Pascarella
avrai accesso a:
Sei già iscritto?

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli da non perdere

Conviene investire sull’oro?

Giuseppe se il mercato inizia a scendere mi conviene investire sull’oro? Questa rimane sempre una delle domande più gettonate tra tutte quelle che ricevo da amici e clienti e quindi vorrei provare a dare una

Leggi Tutto »

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.

Iscriviti per leggere
gli Editoriali Pascarella
E' gratis, per sempre...

Accedi a Pascaprofit