Quanto potrebbero realmente crescere i tuoi risparmi?
Scopri se stai investendo bene i tuoi soldi

Investimenti
Check-Up

Da oggi, con soli 47 euro puoi far valutare i tuoi investimenti dal team di analisti di PascaProfit

Hanno parlato di noi su:

INVESTIMENTI Check-Up, non è un semplice report, ma una vera relazione sui tuoi investimenti, che ti verrà presentata da un consulente finanziario autonomo del team di Pasca Profit

Grazie a INVESTIMENTI Check-Up potrai capire:

Con questo servizio avrai finalmente un giudizio completo e senza conflitti di interesse di un team di esperti che, aiutandoti a capire le inefficienze dei tuoi investimenti, ti farà risparmiare migliaia di euro

ADESSO a soli 47 euro invece di 147,00 €

Approfitta del prezzo promo valido solo fino alla fine del mese

Cosa dicono i clienti di Pasca Profit

Costruire un portafoglio non è facile…

Spesso i dubbi sono tanti.

Se stai già investendo scommetto che molte volte ti sarai chiesto: 

“Sto facendo la cosa giusta?”

Specie se non l’hai fatto tu ma ti sei fatto consigliare.

“Avranno fatto i miei interessi?”

Immagino che quando una azione acquistata inizia a perdere spesso ti chiedi:

“Cosa faccio? Resisto o vendo in perdita?”

Quante volte ti sei chiesto se i tuoi investimenti sono in grado di resistere ad ogni stagione, o al primo soffio di vento del mercato crolleranno come un castello di sabbia?

Lo so, non è facile rispondere a queste domande e devo dirti che non esistono risposte preconfezionate.

Bisogna valutare caso per caso!

Far valutare il tuoi investimenti da un team di professionisti indipendenti è l’unico modo per capire se stai investendo nel modo corretto i tuoi soldi e se saranno in grado di portarti un rendimento costante nel lungo periodo.

Il problema è che non è facile trovare un team di professionisti che ti consigli tenendo conto solo dei tuoi interessi.

Non voglio parlar male delle banche, però sappiamo bene che quando si chiede consiglio a loro si rischia di vedersi appioppare il prodotto dove l’intermediario ha le provvigioni maggiori e non quello che conviene di più a te.

È per questo che ho deciso di creare INVESTIMENTI Check-Up.

Un servizio che mette a tua disposizione un team di analisti finanziari professionisti che valuteranno ogni tuo investimento pensando solo al tuo guadagno, senza nessun conflitto di interessi.

Se hai già un Portafoglio e muori dalla voglia di sapere se ha le caratteristiche giuste per farti guadagnare in futuro allora INVESTIMENTI Check-Up è il servizio su misura per te.

Hai idea di quanto potrebbe farti risparmiare far valutare il tuo portafoglio di investimenti da un team di professionisti che da anni macina risultati sul mercato azionario?

Sapere se è il caso di tenere una azione che sta perdendo o se è meglio venderla è da sola una informazione che ti può far risparmiare migliaia di euro.

Tuttavia…

Ho voluto tenere INVESTIMENTI Check-Up ad un costo irrisorio rispetto al suo vero valore.

Infatti se prenoti subito il tuo posto potrai avere una valutazione completa di ogni asset che hai in portafoglio a sole 47 € invece di 147,00 euro

Praticamente è un regalo!

ADESSO a soli 47 euro invece di 147,00 €

ATTENZIONE! Se vuoi farti analizzare il tuo portafoglio prenota subito la tua analisi.

Perché il prezzo promo a soli 47 € è valido solo fino alla fine del mese.

Infatti l’analisi di INVESTIMENTI Check-Up  NON è fatta da un freddo algoritmo, ma ogni tuo investimento viene valutato da persone in carne ed ossa. Persone competenti che badano solo ai tuoi interessi!

Questo però ci costringe ad avere una capacità di erogazione limitata.

E, cosa ancor più importante ti verrà spiegata e commentata da un consulente finanziario indipendente del mio team, al quale potrai chiedere spiegazioni su tutto ciò che non ti è chiaro.

Questo è veramente un grande valore aggiunto. Infatti non dovrai leggerti un freddo report, ma potrai interloquire con una persona che conosce la finanza e ti può aiutare a comprendere gli errori del tuoi investimenti.

Prenota ora se vuoi che la tua analisi venga svolta nel giro di pochi giorni

ADESSO a soli 47 euro invece di 147,00 €

Approfitta del prezzo promo valido solo fino alla fine del mese

So cosa stai pensando….

“Ma per solo 47 euro che razza di analisi mi possono mai fare?”

Ti capisco. In effetti 47 euro sono veramente pochi per un servizio di così alto valore.

Tuttavia, non sempre prezzo e qualità vanno a braccetto, te ne sarai già accorto.

D’altronde quante volte ti è capitato di pagare a caro prezzo servizi scadenti?

Bè, io ti offro l’opportunità di fare l’inverso, ovvero pagare pochissimo un servizio eccellente.

Altre testimonianze dei nostri clienti

Con INVESTIMENTI Check-Up avrai una analisi totale del tuo portafoglio, riassunta in 8 punti strategici

1° analisi dell'asset allocation

L’asset allocation è una cosa molto personale, dipende perciò in gran parte dalla propensione al rischio. Tuttavia è possibile analizzare se un portafoglio è ottimizzato per rischio rendimento. 

In pratica, detto in parole povere, andiamo a controllare se i rischi a cui si espone il portafoglio sono bilanciati con il rendimento che è in grado di offrire.

E questa è una informazione fondamentale che risulterà preziosissima per le tue tasche e soprattutto per il tuo cuore.

Infatti perché prendersi dei rischi inutili che non possono portare ad un adeguato rendimento?

Basterebbe solo questa analisi per capire che INVESTIMENTI Check-Up è veramente regalato.

Ma guardiamo un esempio concreto di questo analisi, con anche il commento che ti avrebbe fatto il nostro analista.

Commento che voglio ribadirlo verrà fatto a voce di persona, quindi se non ti è chiaro qualcosa puoi subito chiedere spiegazioni.

Il portafoglio, come riporta il grafico a torta sembra avere un’ asset allocation non proprio ottimale. Chiaramente tutto dipende dalla propria avversione al rischio e le proprie esigenze, però sicuramente non rappresenta un portafoglio ottimizzato per rischio rendimento. La liquidità è molto elevata e rappresenta un asset con perdita di potere d’acquisto garantita nel tempo, con l’inflazione (oltretutto in rialzo) che mangia il valore reale. Discorso analogo si può fare con le obbligazioni (in questo caso titoli di stato europei, a rendimento reale addirittura negativo) che potrebbero perdere valore in modo ingenti qualora i tassi di mercato dovessero salire, come sta già accadendo. Il fatto che le obbligazioni siano “sicure” rappresenta un mito costruito sul passato: il contesto è mutato e occorre capire nel dettaglio i meccanismi per costruire un portafoglio il più resiliente possibile. Crediamo inoltre che le azioni siano eccessivamente sottopesate: se la visione è di lungo periodo (come ogni investitore che si rispetti) il peso delle azioni deve essere più elevato, essendo l’asset finanziario relativamente più conveniente e con capacità di resilienza maggiore rispetto agli altri asset. Non vuol dire che tutte le azioni siano ottimi investimenti: occorre fare le valutazioni necessarie per poter verificare che le società siano sottovalutate e di qualità. Al fine di migliorare l’equilibrio del portafoglio riteniamo inoltre incrementare le esposizioni nelle asset class che traggono maggiormente beneficio da rialzi inflattivi, come commodities (aumentando l’attuale esposizione) e obbligazioni indicizzate all’inflazione per quanto riguarda la parte obbligazionaria di portafoglio

2° analisi per area geografica

Il bilanciamento per area geografica è altrettanto importante.

Certo, se tu conosci perfettamente un mercato, puoi anche permetterti di investirci al 100%, come ad esempio noi facciamo con il mercato americano.

Tuttavia una concentrazione del genere è giustificata solo se segui dei professionisti che hanno già dimostrato in passato di saper gestire una concentrazione di questo tipo, diversamente una sana diversificazione geografica è sempre una scelta oculata.

Ma anche in questo caso vediamo un esempio concreto con un relativo commento.

La situazione in questione presenta alcune criticità. Il portafoglio è quasi completamente esposto nell’area geografica europea. Se è vero che in questo modo viene ridotto il rischio valutario (essendo quasi tutti gli investimenti denominati in €) riteniamo che la scelta sia assolutamente inefficiente nel lungo periodo. L’esposizione verso gli Stati Uniti è inferiore addirittura al 5%, eccesivamente basso dato che gli Stati Uniti detengono un peso del 16% del PIL mondiale ma soprattutto il 66% della capitalizzazione azionario del mondo intero: evitare di prendere in considerazione asset americani limita di molto la tua capacità di generare rendimenti efficienti nel lungo periodo. Infine, non avere esposizioni sui mercati emergenti significa non prendere in considerazione le aree con più potenziale di crescita nei prossimi decenni. Consigliamo di aumentare l’esposizione in America e nei paesi emergenti nel caso in cui si voglia costruire un portafoglio equilibrato per aree geografiche, riducendo l’eccessiva esposizione sui mercati europei, i quali faticano per limiti strutturali delle economie europee.

3° analisi della volatilità

Se sei un investitore immagino che tu sappia bene quanto la volatilità, ovvero l’oscillazione del tuo portafoglio, possa essere emotivamente difficile da sopportare.

Certo, nel lungo periodo magari il tuo portafoglio cresce, ma sai quali oscillazioni devi sopportare prima di vedere il tuo portafoglio salire.

In pratica ti andiamo a dire qual’è la percentuale che potresti veder sparire dal tuo portafoglio.

Infatti un portafoglio che ha una volatilità del 5% significa che dai massimi potrai vedere il tuo portafoglio scendere in media del 5%. Insomma nulla di drammatico. Ma se la tua volatilità è del 60% la musica cambia.

Infatti potresti vedere scendere il tuo portafoglio di oltre la metà del suo valore.

Molti hanno una volatilità del portafoglio di oltre il 70%, più dei due terzi del capitale potrebbe quindi sparire. 

E la cosa terribile è che quasi nessuno sa quanto sta rischiando.

Ecco perché è fondamentale sapere qual è la volatilità del portafoglio che hai costruito.

Ma anche questa volta vediamo un esempio pratico.

La volatilità di questo portafoglio (45.82%) è molto elevata rispetto al mercato nel suo aggregato, basti pensare che l’indice S&P 500 ha avuto una volatilità nell’ultimo anno pari al 25%. Sebbene la volatilità non sia di per sè un rischio, viene presa in seria considerazione come fattore negativo, soprattutto se non è accompagnata da rendimenti attesi superiori ad asset meno volatili.

4° analisi degli strumenti

Ogni bravo artigiano sa che per fare un buon lavoro ha bisogno dell’attrezzo giusto.

Gli strumenti sono un po’ come gli attrezzi dell’investitore.

Se questi attrezzi non sono efficienti difficilmente l’investimento sarà vincente.

Con questa analisi potrai vedere se il tuo portafoglio contiene al suo interno strumenti in grado di ottenere i rendimenti desiderati o se, viceversa, è appesantito da gestioni attive troppo costose o, ancor peggio, da strumenti difficili da comprendere e quindi poco inclini a portare i risultati voluti

Nel grafico qui sopra possiamo vedere come l’esposizione sia quasi totale su fondi a gestione attiva. L’investitore ha quindi delegato la gestione dei risparmi ad altri gestori/investitori. Un aspetto importante da considerare sono i costi: nello specifico l’investitore in questione pagava all’anno circa il 2% (un costo elevato che incide pesantemente sui rendimenti nel lungo periodo). Anche per quanto riguarda i certificati ci siamo resi conto che l’investitore in questione non sapeva bene cosa avesse comprato, non sapendo le logiche sottostanti dell’asset finanziario in questione. Crediamo fortemente che una maggiore esposizione su titoli azionari di elevata qualità comprati ad un prezzo di sottovalutazione (tramite la consulenza di società esperte) possa migliorare molto l’efficienza del portafoglio

5° analisi del settore

Bè l’esposizione settoriale è fondamentale, non c’è nemmeno il bisogno di ribadirlo.

Tuttavia, molto spesso anche gli investitori più esperti tendono ad innamorarsi di determinati settori e rischiano di essere troppo sbilanciati su settori che, in questa fase del ciclo economico risultano troppo rischiosi.

Quindi, grazie a questo tipo di analisi potrai sapere non solo se ci sono scompensi troppo evidenti nel tuo portafoglio, ma soprattutto se il tuo portafoglio non è in linea con il ciclo economico in atto.

L’esposizione settoriale della parte azionaria del portafoglio non presenta un buon equilibrio. Rispetto al mercato ci sono parecchi squilibri che non sono stati basati su analisi e logiche da parte dell’investitore, parlando con lui durante la consulenza. Il cliente ha accumulato titoli a sè stanti senza pensare alla costruzione complessiva di un portafoglio e si è ritrovato con una esposizione sul settore finanziario molto elevata (quasi del 20%) e telecom (del 27.43%), sottopesando altri settori con ampie opportunità di crescita. Ad esempio riteniamo troppo basso avere un solo 8% di esposizione sul settore tecnologico – anche se è vero che ha corso tanto l’anno scorso – dato che vediamo alcune buone opportunità di alcuni titoli. Ampiamente sottopesato anche il settore sanitario (2.2% rispetto al 15% dell’S&P 500), in cui attualmente vediamo enormi opportunità (colte anche all’interno dei nostri stessi portafogli). Non crediamo che necessariamente siano da mantenere i pesi dell’S&P 500, ma che serva uno studio macroeconomico approfondito per capire come calibrare tali esposizioni. Se si è in balia delle intuizioni si può finire per arrivare ad avere un portafoglio molto squilibrato.

6° analisi della valuta

Avere una situazione valutaria sbilanciata nel proprio portafoglio di per sé non è un problema.

L’importante però è esserne al corrente e mettere quindi in atto le adeguate contromisure.

È per questo che forniamo anche una esposizione visiva delle valute nel quale un portafoglio è esposto. 

Infatti abbiamo riscontrato che molto spesso gli investitori non sono al corrente dell’esposizione valutaria, specie quando il portafoglio è stato costruito da un consulente non indipendente che mira a vendere i prodotti con più provvigioni e non è sempre trasparente rispetto agli strumenti che infila in un portafoglio.

Avere una chiara rappresentazione visiva ti farà capire se la situazione è sotto controllo o se bisogna correre ai ripari.

7° analisi dei costi del portafoglio

L’analisi numero 7 e l’analisi numero 8 sono forse le più importanti.

Infatti troppo spesso i portafogli dei normali risparmiatori contengono prodotti che hanno dei costi nascosti altissimi.

Noi li andiamo a scovare e li portiamo alla luce.

Avere dei costi che non sono giustificati dalle performance può nel lungo periodo avere degli effetti devastanti sul tuo portafoglio, è per questo che devi assolutamente far analizzare da un esperto l’entità di questi costi.

Per darti la misura della gravità della situazione, se tu hai dei costi nascosti del 3%, significa che qualsiasi cosa succeda, in soli 5 anni tu regalerai il 15% dei tuoi risparmi alla banca. E questo succederà anche se i tuoi investimenti non ottengono rendimenti.

In poche parole loro ci guadagnano sempre. Cerca almeno di capire quanta fetta della torta si portano a casa.

8° analisi dei titoli in portafoglio

Lo sò, se investi in azioni questa è sicuramente l’analisi che guarderai con più attenzione.

Infatti andremo a valutare ogni azione che è inserita nel tuo portafoglio per capire se è il caso di tenerla o venderla o, addirittura, se il titolo è particolarmente interessante, andare a comprarne ancora.

Infatti daremo uno score per ogni azione che va da 1 a 3.

Se l’azione viene valutata con un 1 devi assolutamente venderla subito.

Meglio tagliarsi un dito che perdere un braccio. Lo so bene che vendere in perdita è molto doloroso, tuttavia quando l’azione non ha prospettive di crescita adeguata va tolta dal portafoglio per destinarla ad investimenti più redditizi.

Ma anche quando una azione sta guadagnando a volte è il caso di venderla.

Infatti se il prezzo ha già raggiunto il massimo possibile è bene liberarsi del titolo portarsi a casa il guadagno, per poi andare a cercare occasioni più interessanti.

Se invece lo score è 2 allora significa che ci sono ancora ottime possibilità di crescita per il titolo ed quindi il caso di tenerlo in portafoglio.

 

Quando invece esce 3 allora il titolo è talmente interessante che potrebbe valere la pena comprarne ancora.

Capisci bene che queste sono informazioni preziosissime e che da sole possono farti risparmiare migliaia di euro.

Approfitta di questa incredibile occasione di avere una analisi accurata in 8 punti, eseguita da un team di specialisti del mercato, che da sola può farti risparmiare svariate migliaia di euro, al costo di una serata in pizzeria.

Approfitta del prezzo promo valido solo fino alla fine del mese

Ma chi sono io e perché dovresti far analizzare i tuo investimenti dal team di Pasca Profit?

Sono Giuseppe Pascarella, e se frequenti un pò i principali ambienti della finanza italiana è molto probabile che ti sia già capitato di incrociare qualche mio materiale.

Ho 43 anni, vengo da Carpi e sono un Consulente e Analista Finanziario

  • Sono amministratore della SCF Scripta Finance
  • Autore del libro “Battere il Benchmark – la prima Bibbia sugli investimenti nel mercato americano”
  • Autore del libro “Dove metto i miei soldi – Come investire con successo, padroneggiando le poche ma fondamentali leggi che muovono il denaro”
  • Investitore con oltre 25 anni di esperienza nei mercati azionari americani
  • Fondatore di PascaProfit, la società di equity advisor con due portafogli all’attivo: il portafoglio di punta ha ottenuto un rendimento del +807% in 11 anni!
  • Ideatore del metodo esclusivo di analisi finanziaria “Protocollo Pascarella”, attraverso il quale ho battuto per 8 anni su 11 le performance dello S&P500
  • Creatore della Pasca Academy, la scuola che forma i nuovi consulenti finanziari autonomi
  • Per questi motivi sono apparso su numerose testate giornalistiche cartacee e online, come: Il Sole 24 Ore, Milano Finanza, Le Fonti TV, CNBC, Investing.com, Trend Online, Affari Italiani e molte altre

Ma non sono da solo, anzi, ne approfitto immediatamente per presentarti tutto il Team della Pasca Profit:

Andrea Casella
Consulente Finanziario Autonomo e CEO di Pasca Profit
Manuel Musto
ANALISTA FINANZIARIO
Marco Bergianti
Analista finanziario
Nicola Cioffo
Analista finanziario
Mirco Matteini
consulente FINANZIARIO autonomo
Gianluca Simoni
consulente FINANZIARIO autonomo

Ascolta cosa dice chi ha provato i nostri servizi

Vuoi sapere se i tuoi investimenti hanno le caratteristiche giuste per farti guadagnare?

Grazie a INVESTIMENTI Check-Up potrai capire:

Con questo servizio avrai finalmente un giudizio completo e senza conflitti di interesse di un team di esperti che, aiutandoti a capire le inefficienze dei tuoi investimenti, ti farà risparmiare migliaia di euro

ADESSO a soli 47 euro invece di 147,00 €

Approfitta del prezzo promo valido solo fino alla fine del mese

Hanno parlato di noi su

Specialisti nell’analisi delle società quotate in USA

© 2020 – Scripta Finance SRL P.iva: 06887890488 | Sede Legale Via Giuseppe Garibaldi, 15 50123 Firenze (FI) | Sede Operativa Via del Pignoncino, 9 50142 Firenze (FI)

Questo sito non fa parte di Facebook™ o Facebook™ Inc. Inoltre, questo sito NON è approvato da Facebook in alcun modo. Facebook è un marchio registrato di Facebook™, Inc.
This Website is not a part of Facebook™ or Facebook™ Inc. Additionally, this site is NOT endorsed by Facebook™ in any way. Facebook™ is a trademark of Facebook™ Inc.

Le performance passate non costituiscono una garanzia sull’andamento futuro del servizio e non dovranno essere utilizzate come unico criterio di valutazione per la scelta dell’investimento. Il valore degli investimenti e i proventi da essi derivanti possono aumentare come diminuire e gli investitori possono perdere la totalità o una quota consistente del capitale investito. La performance indicata è frutto del lavoro di consulenza svolta nel periodo 2010-2019, non tiene conto dei costi del servizio ed è indicata per un investimento in dollari, il rendimento può crescere o diminuire a seguito delle oscillazioni di cambio. Commissioni e costi incidono negativamente sulla performance. Ai sensi della normativa in vigore, i dati sopra riportati non costituiscono sollecitazione all’investimento e non potranno essere riprodotti o distribuiti a terzi né potranno essere divulgati i contenuti. Scripta Finance SRL non sarà in alcun modo responsabile per qualsiasi danno, costo diretto o indiretto che dovesse derivare dall’inosservanza di tale divieto.

Loading...

Ordine in elaborazione...

Please wait while we process your payment...

Please wait while we redirect you...

Cerchi qualcosa?

Premi INVIO per avviare la ricerca.